Privacy Policy politicamentecorretto.com - Il termosolare conviene a tutti

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Il termosolare conviene a tutti

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 


L’utilizzo di  tecnologie termosolari è fondamentale per intraprendere la via del risparmio e del rispetto per l’ambiente. Il funzionamento dei pannelli solari termici è semplicissimo: catturano l’energia dei raggi solari e la utilizzano per produrre acqua calda. Se la vostra casa o l’edificio in cui abitate hanno un’area esposta al sole siete già a buon punto: il preventivo varierà in base alla minore o maggiore accessibilità della zona designata per l’installazione dell’impianto e le spese iniziali potranno essere ammortizzate in breve tempo, grazie al risparmio in bolletta.
Esistono due tipi di impianti, a circolazione naturale e forzata. Quelli a circolazione naturale sono sistemi monoblocco a circuito chiuso, che non prevedono l’utilizzo di componenti elettrici o di pompe, bensì sfruttano un collettore solare che, attraversato dalle radiazioni del sole, fa sì che l'acqua si scaldi e salga verso il serbatoio, immettendosi poi nel circuito domestico. E’ un metodo più economico nei costi di gestione ma ha un rendimento minore rispetto alla circolazione forzata, perché realizza uno scambio meno rapido di energia termica ed è maggiormente soggetto a dissipazione di calore quando le condizioni atmosferiche non sono ottimali.
Negli impianti solari a circolazione forzata il serbatoio è montato separatamente ed il liquido del circuito  è spinto da una pompa di circolazione che viene attivata da una centralina elettronica. Questi sistemi sono maggiormente complessi e costosi a causa delle apparecchiature impiegate, ma consentono di posizionare il serbatoio di accumulo dove si vuole.
Un ostacolo alla diffussione dei solari termici è la scarsa integrabilità con gli impianti di riscaldamento comune in ghisa ed acciaio, visto che i  termosifoni funzionano solo con un termovettore che lavora ad una temperatura media tra i 65 e i 90°C. I sistemi che si integrano perfettamente con l’impianto termico sono i termoconvettori ed i pannelli radianti a pavimento. Nei termoconvettori, il fluido riscaldato dall’impianto solare viene fatto scorrere in una batteria di tubi alettati e collegati fra loro. I pannelli radianti a pavimento invece, sono costituiti da una serpentina di tubi installati a spirale ed occupano gran parte della superficie del pavimento. Questi, grazie ad un’elevata superficie di scambio, possono essere alimentati da un fluido a temperatura inferiore ai 40° C
L’installazione di pannelli termosolari consente di risparmiare energia elettrica ed alleviare la morsa dell’inquinamento causato dagli idrocarburi. I benefici sono tanti e vanno dalla riduzione di emissione di CO2, ossidi di zolfo, azoto e pm10, alla mancata immissione di calore nell’ambiente.
Se consideriamo che il costo di un impianto temosolare si ammortizza in 5-8 anni, visto che la durata minima è di 15-20 anni, diventa facile ed economico salvaguardare l’ambiente senza rinunciare alle nostre comodità.
Oltre al risparmio sulle bollette di elettricità e gas (stimato intorno all’80-95% nelle stagioni a media insolazione e addirittura al 100% in quelle più soleggiate), il termosolare garantisce un buon margine di guadagno in caso di vendita dell’immobile, visto che la presenza di questo tipo di impianti ne aumenta il valore commerciale.
Gli elementi che accomunano ogni impianto prevedono un pannello solare (o collettore) che capta i raggi solari ed un serbatoio che accumula l’acqua calda prodotta e la invia all’utenza.
Esistono due tipi di riscaldamento dell’acqua, a circuito aperto o a circuito chiuso: nel primo, il fluido freddo viene riscaldato e, dopo essere stato usato, viene scaricato, mentre nel secondo l’acqua che circola è sempre la stessa. In quest’ultimo caso, i limiti del pannello, dovuti agli imprevisti climatici, sono superati in quanto il fluido è preriscaldato.
Utilizzare i collettori in un condominio è vantaggioso (il maggior numero di utenti rende più conveniente la divisione dell’accumulo termico dei serbatoi). Qualsiasi casa o impresa può trarre giovamento dal separare il riscaldamento dell’acqua dal circuito elettrico ma è in particolare nelle case isolate che questi pannelli sono utilissimi, grazie all’uso concentrato nelle stagioni estive. Da consigliare assolutamente l’uso del solare termico ai proprietari di hotel o ai gestori di villaggi turistici, impianti sportivi, lavanderie, stabilimenti caseari, imprese che producono pelli ed ogni azienda che consumi grandi quantità di acqua calda. Grazie allo sfruttamento dell’energia termosolare sarà possibile produrre acqua calda e riscaldamento, salvando l’ambiente e agevolando il risparmio

 


Invia commento comment Commenti (0 inviato)