Privacy Policy politicamentecorretto.com - Cordone ombelicale: scade l'ordinanza, da oggi che succede?

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Cordone ombelicale: scade l'ordinanza, da oggi che succede?

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 



Intervento della senatrice Donatella Poretti parlamentare Radicali - Partito Democratico, segretaria della Commissione Sanita'

 



Scade oggi 28 febbraio l'ordinanza che disciplina l'esportazione delle cellule staminali per la loro conservazione nelle biobanche private, e senza il suo rinnovo finisce anche questa possibilita' di liberta' nell'Italia dei divieti.
L'assurda situazione che si protrae da anni, inaugurata dalle ordinanze dell'allora ministro Girolamo Sirchia, si era interrotta nella scorsa legislatura grazie a maggioranza e opposizione che si erano unite  per regolamentare, disciplinare, normare la possibilita' di conservare queste preziose cellule anche a pagamento in biobanche private autorizzate e accreditate tramite la formula dell'autologa solidale. Un compromesso che garantiva sia il gesto solidaristico della donazione che il diritto a conservare queste cellule per se', a fronte della certezza che sarebbero state buttate nel cestino della spazzatura della sala parto.
Ogni anno i numeri dei cordoni che superano le frontiere raddoppiano. Casi limite e' quello di San Marino, dove proliferano le biobanche private: gia' quattro sono  autorizzate per ospitare i cordoni dei bambini che nascono in Italia (solo il Bioscience Institute ne conserva 2.500).
La legge fatta dal Parlamento (31/2008, art. 8bis) e' stata cancellata con atto d'imperio del Governo che, nel decreto "Milleproroghe", in fase di conversione in legge ha introdotto un emendamento e grazie al voto di fiducia in entrambi i rami del Parlamento ha impedito di fatto ai parlamentari di esprimersi nel merito.
Oggi avrebbe dovuto essere emanato un decreto per regolamentare cio' che gia' avviene in maniera pionieristica a Mantova con la Bamco onlus, ma invece siamo nell'assurdo: continua ad essere impossibile la donazione e si impedisce anche l'esportazione (neppure il 10% dei punti nascita e' in grado di raccogliere le cellule per la donazione nelle biobanche pubbliche).
Dal ministero nessuna notizia, nessun comunicato per spiegare perche' ha cancellato una legge del Parlamento e ora nessuna indicazione di cosa avviene da domani. Chi e' gia' stato autorizzato dal Ministero dopo aver superato il colloquio con il Centro Nazionale Trapianti potra' conservare all'estero le sue cellule? E chi ha avviato l'iter o chi stava per farlo senza l'ordinanza, come fara'?
Una vicenda all'insegna della sciatteria politica e dell'imposizione di una norma contro la liberta' di scelta. Una vicenda che riassume l'impostazione proibizionista, protezionista, statalista del Governo: per uno Stato che decida dei corpi e della salute dei sudditi.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)