Privacy Policy politicamentecorretto.com - L’on. Garavini (PD) a Berlino: “Il PD siamo tutti noi, importante andare sul territorio proprio adesso”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

L’on. Garavini (PD) a Berlino: “Il PD siamo tutti noi, importante andare sul territorio proprio adesso”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

„È stato un incontro che ha dimostrato come, proprio in questa fase di crisi che il PD sta attraversando, sia importante andare sul territorio ed ascoltare e discutere con la gente”, ha detto l’on. Laura Garavini al termine dell’incontro del circolo Pd di Berlino, di cui la deputata è coordinatrice. “Fra la base”, ha affermato la Garavini, “c’è critica verso il partito a Roma, ma anche la consapevolezza che il PD siamo tutti noi e che ognuno può e deve dare il suo contributo per superare i problemi che si sono verificati negli ultimi mesi”.

Gino Puddu, componente del direttivo del coordinamento berlinese, ha criticato il fatto che il centro-sinistra (ora il PD e prima l’Ulivo) abbia cambiato sette leader in poco più di sette anni. Secondo Puddu c’è un eccesso di personalismi nei vertici del partito che nuoce al progetto politico: “È ora che il PD faccia sul serio, risponda alle vere esigenze della gente e non ai personalismi ai vertici”. Altri partecipanti all’incontro, che si è svolto nella sede dell’SPD berlinese, si sono detti dispiaciuti delle dimissioni di Veltroni.

Un profilo politico più chiaro da parte del PD è stata una delle richieste più nette emerse nel corso del dibattito. “Alcuni conflitti politici all’interno del partito vanno sciolti, anche a rischio di perdere certe componenti del partito”, ha detto Luigi Cornaglia, che ha chiesto anche un profilo più chiaro del PD sull’argomento della legalità criticando la permanenza di Bassolino alla guida della Campania e il voto spaccato in Parlamento sul caso Cosentino.

Giovanni Orlando ha valutato positivamente l’inizio di Franceschini apprezzando le sue uscite sulla collocazione del partito in Europa. Una collocazione che vede il PD al fianco del PSE a livello di gruppo parlamentare nel Parlamento europeo, ma non ancora  componente a livello partitico dello stesso PSE. Il tesoriere del circolo di Berlino, Matteo Aniello, ha espresso l´auspicio che i democratici di Berlino si impegnino in prima persona nell´organizzazione di concrete iniziative politiche a livello territoriale, dal momento che il circolo ha in progetto tutta una serie di appuntamenti: dalla visita di 400 giovani dall´Italia in viaggio per l´Europa sul treno della summer school del Pd alla festa democratica in estate, in collaborazione con la SPD e i giovani socialdemocratici greci, spagnoli e francesi.

Laura Garavini ha concluso l’incontro ribadendo quanto il progetto del PD sia ancora più che mai attuale e necessario dato la politica di una maggioranza “che taglia tre miliardi alle forze dell´ordine e contemporaneamente istituisce le ronde, una maggioranza che di fronte al diniego del Presidente della Repubblica di firmare una legge pretende di cambiare la Costituzione, una maggioranza che rispetto alla grave crisi in cui sta piombando il nostro paese minimizza e non adotta una strategia che aiuti chi non riesce ad arrivare alla fine del mese. Il PD rappresenta l´alternativa. Ma nulla é dato per acquisito o scontato. Spetta a tutti noi rimboccarci le maniche e far sì che questo PD cresca e si rafforzi.”

Berlino, 1 marzo 2009

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Carmine , 02 Marzo, 2009 09:57:51
    Onorevola Onorevola il titolo dice tutt'altra cosa lei e' andata a Berlino cercando di salvare il salvabile e racimolare quelxhe voto in piu' in vita delle europe. Queste cose una volta ci dicevano nei forni pubblici o dal barbiere