Privacy Policy politicamentecorretto.com - Tremonti bond. Cosa si fa se le banche non rispettano il codice etico? Interrogazione

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Tremonti bond. Cosa si fa se le banche non rispettano il codice etico? Interrogazione

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti parlamentare Radicali - Partito Democratico

 

 

Se in Italia le banche a corto di liquidita' potranno usufruire dei cosiddetti Tremonti bond, i nuovi strumenti finanziari ibridi (tra obbligazioni e azioni),  e' un po' meno chiaro secondo quali termini lo Stato, e quindi i contribuenti, eserciteranno la "garanzia" di questi titoli. Con la sottoscrizione lo Stato si assume infatti i rischi, simili a quelli degli azionisti, ma non ha strumenti di intervento, nel senso che non ha poteri gestionali sulle decisioni di quelle banche in merito all'uso del denaro garantito. Tale limitazione e' "compensata" da un codice etico e un protocollo di intenti sottoscritti dal ministero dell'Economia e dall'Abi che impegnano le banche a favorire il credito alle Pmi, alle famiglie e a coloro che sono in difficolta' con i mutui per la prima casa. Inoltre, sono previsti anche limiti agli stipendi dei dirigenti e alla distribuzione dei dividendi ai soci, il tutto sotto il controllo della Banca d'Italia. Questo, significa che a fronte di un impe
 gno
finanziario dello Stato c'e' una "dichiarazione di buone intenzioni" (codice etico e intenti) delle banche, che non costituisce, pero', vincolo contrattuale e che impedisce di ricorrere alla magistratura in caso di inadempienza.
Come rilevato dall'Aduc (Associazione per i diritti degli utenti e consumatori) in merito a tale operazione sorge un interrogativo immediato: nel caso che le banche sottoscriventi non rispettassero il codice etico, cioe' non favorissero le Pmi e le famiglie in difficolta', cosa accadrebbe?  Per queste ragioni con il senatore Marco Perduca abbiamo rivolto un'interrogazione al Ministro Tremonti, per sapere, quali provvedimenti puo' assumere il ministero dell'Economia, affinche' le banche rispettino gli impegni etici assunti?


Qui il testo dell'interrogazione: http://blog.donatellaporetti.it/?p=541

Invia commento comment Commenti (0 inviato)