Privacy Policy politicamentecorretto.com - Testamento biologico: una legge mostruosa che occupera' le aule dei tribunali

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Testamento biologico: una legge mostruosa che occupera' le aule dei tribunali

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti parlamentare Radicali - Partito Democratico, segretaria della Commissione Sanita'

Il mostro giuridico e scientifico del disegno di legge Calabro' doveva passare il vaglio del Senato per essere portato come trofeo al congresso di fondazione del Popolo delle Liberta'. Questo sembrava l'obiettivo della maggioranza.
Chi ha sostenuto la necessita' di una legge contro le sentenze della magistratura che, nel rispetto della Costituzione, sancivano il principio dell'autodeterminazione della persona e del consenso informato, con questa legge otterra' l'effetto opposto.
Una norma cosi' scritta obblighera' i nostri tribunali a interpretare i divieti e gli obblighi imposti.
Aver negato che nutrizione e idratazione artificiale siano trattamenti sanitari, quale conseguenza avra' sulle persone capaci di esprimere il consenso?
Potranno questi trattamenti essere ancora rifiutati?
Aver sancito l'indisponibilita' della vita, quale conseguenza comportera' su pazienti coscienti che rifiutano cure vitali?
Aver costruito un istituto giuridico quali le dichiarazioni anticipate di trattamento senza che siano vincolanti, comportera' obbligatoriamente ricorsi alla magistratura.
Forse dopo aver fondato il Popolo delle Liberta' verra' compreso il significato della parola liberta' e dello Stato liberale.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)