Privacy Policy politicamentecorretto.com - Si può uscire dalla crisi economica?

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Si può uscire dalla crisi economica?

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Nelle ultime settimane il Governo sta tentando di minimizzare gli effetti della crisi economica che si sta abbattendo sul nostro paese. Gli strali sono rivolti in particolare nei confronti dell’informazione, accusata di fotografare l’immagine di un’Italia depressa e sull’orlo della bancarotta. Il terrore della politica è che la popolazione colta dal panico,smetta di consumare, innescando  una crisi ancora più pesante e pericolosa.
La globalizzazione, la concorrenza internazionale, l’ingresso nei mercati mondiali di potenze come Cina e India, complicano il livello di competitività dell’Italia. Un forte vincolo che influisce sulle politiche economiche governative è rappresentato dal rispetto dei parametri di Maastricht. In passato quando c’era necessità di incrementare i posti di lavoro bastava aumentare l’inflazione, svalutare la Lira, ed in questo modo far crescere artificialmente la ricchezza.
Oggi questi provvedimenti sono impossibili da attuare, la disoccupazione è alta, ma non è possibile svalutare perché questo potere è stato trasferito alla Banca Centrale Europea.
La svalutazione dell’euro sarebbe possibile solo se ci fosse un accordo tra tutti gli stati dell’Unione, che però non hanno alcun interesse a farlo. Purtroppo la mancata disposizione di controlli capillari sui prezzi dei beni, all’indomani del passaggio dalla Lira all’Euro, ha causato un aumento spropositato del valore del denaro, un potere d’acquisto minore per i cittadini che si è tradotto in un aumento dell’inflazione e sorprendentemente in una contemporanea crescita della disoccupazione . L’unica soluzione che i Governi hanno trovato per invertire questa tendenza e ovviare alla disastrata situazione occupazionale, è stata quella di cambiare giuridicamente il concetto di posto di lavoro, dando il via, però, ad un sistema perverso che impoverisce i lavoratori. Ad essere aumentati infatti sono i posti di lavoro con contratti a tempo determinato, giusto per dare una parvenza numerica illusoria di una maggiore occupazione, senza tenere conto che senza il posto fisso, senza garanzie sul proprio futuro è impossibile accumulare risorse e mantenere elevati livelli di spesa. 
Questa situazione si ripercuote in modo particolare sui giovani che sono costretti a posticipare sempre di più il loro ingresso nel mondo del lavoro e vivono come prigionieri in un mondo costruito da altri.
    Bacchette magiche o soluzioni divine che portino a superare questa situazione non esistono. Basterebbe accrescere gli stipendi in maniera più veloce di quanto  aumentino i prezzi, così da conferire un reale potere d’acquisto ai consumatori e generare secondo un flusso a cascata maggiore benessere nel mercato

Invia commento comment Commenti (2 inviato)

  • Inviato in data Nicola clemente, 29 Aprile, 2009 14:19:28
    Oltre ad aumentare gli stipendi sarebbe importante creare valore aggiunto, uscendo da un'economia finanziaria basata su bolle speculative che creano disastri in borsa e impoveriscono sempre di più i cittadini
  • Inviato in data silvana pama, 21 Aprile, 2009 17:16:07
    se sapete come fare.Se aumentando gli stipendi,quelli medio-bassi però, in effetti è quasi sicuro che ci sarà un accrescimento nel mercato,perchè non fate ciò?Dopo tante privazioni tutti sarebbero felici di spendere del denaro che ti arriva nelle tasche,perchè adesso i soldi che abbiamo non ci fanno arrivare a fine mese.