Privacy Policy politicamentecorretto.com - Calabria: sul buco finanziario della sanità

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Calabria: sul buco finanziario della sanità

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Il Presidente della Giunta regionale della Calabria, nel mentre chiama a raccolta la minoranza consiliare per continuare a tacitarla sul “buco” finanziario della sanità, non contento dei già numerosi incarichi e consulenze date dall’Ente Regione, si prodiga nel deliberare ingiustificati incarichi “esterni”, aggravando il già pesante bilancio regionale, in un momento in cui il tasso di disoccupazione continua a crescere.
Il Presidente Loiero, infatti, con atto della G.R. n. 85, in data 23 febbraio 2009, su conforme proposta dell’Assessore al Personale, on. Liliana Frascà, formulata su designazione dell’Assessore, on. Michelangelo Tripodi, ha deliberato l’incarico a tempo determinato al dott. Arch. Mezzatesta Giuseppe, in posizione di comando presso la Giunta Regionale.
Premesso che considero assurda la chiamata ad incarico esterno da parte della Giunta Regionale del responsabile dell’Ufficio Tecnico del Comune di Gioia Tauro, attualmente retto da una Commissione straordinaria, perché sciolto per infiltrazione mafiosa.
Ma reputo altrettanto inconcepibile che venga affidato tale incarico esterno presso il Dipartimento n. 8 “Urbanistica e Governo del Territorio”, non solo senza specificarne le motivazioni e le esigenze, ma addirittura dopo che la Regione ha espletato, approvato le graduatorie definitive di merito e nominato i vincitori (come da pubblicazione sul B.U.R. del 19 dicembre 2008) di un concorso pubblico per titoli ed esami per il conferimento di 45 posti di Dirigente nella Regione Calabria, 13 dei quali per l’Area Tecnica. Perché, allora, questo comando? Perché, se davvero ci fossero le esigenze, non far scorrere la graduatoria del concorso appena espletato facendo ricorso agli idonei?
Di fronte a questa costante anomala gestione dei conferimenti di incarichi esterni da parte dell’Ente Regione della Calabria, non potrà non intervenire la Corte dei Conti, per porre fine ad una gestione clientelare, peraltro, a ridosso di una importante tornata elettorale.
                                     On. Angela Napoli
                  Componente Commissione Parlamentare Antimafia


 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)