Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

CASA: CIOCCHETTI, SERVE UN GRANDE PATTO CON I COSTRUTTORI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

“A Roma serve un grande piano straordinario di edilizia sociale, popolare e agevolata, per la costruzione di almeno 30mila alloggi. Lo strumento potrebbe essere quello dei programmi misti, con  una apprezzabile partecipazione finanziaria degli operatori privati per realizzazioni che comprendano una aliquota significativa di case in affitto, a canone calmierato,  e di case da vendere subito a prezzi convenzionati.” Lo dichiara il segretario regionale dell’Udc Luciano Ciocchetti. “Si potrebbe pensare – spiega Ciocchetti – ad un patto con i costruttori che ricorrendo alla leva urbanistica preveda un aumento del 30% delle cubature nelle aree dove e' già prevista l’edificazione dai piani regolatori generali, allo scopo  di  risolvere il problema degli alloggi a basso costo d'affitto nell’ottica di favorire un’edilizia sociale.  Infatti gli alloggi verranno assegnati dal comune ma gestiti dai privati con affitti concordati (mai più di un quarto dello stipendio) e acquisti agevolati, attraverso un patto di trasparenza comune – costruttori.  Questo patto  con i costruttori potrebbe inoltre dar vita ad un grande piano di modernizzazione infrastrutturale della città da fare sia con risorse pubbliche che private, valorizzando strumenti come il project financing. Dal canto suo – conclude Ciocchetti  - il  Comune di Roma deve mettere a disposizione le aree di sua proprietà nei vecchi piani di zona e nelle convenzioni, perche gli operatori del settore possano costruire case a bassissimo costo.”

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)