Privacy Policy politicamentecorretto.com - IL DIRITTO AL LAVORO

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

IL DIRITTO AL LAVORO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

  

 

 

 

 

 

Ho visto con grande perplessità il programma della Rai, Anno Zero e mi complimento con Michele Santoro, perché, mi ha fatto vedere una situazione preoccupante nel nostro Paese, la perdita del lavoro e la disoccupazione. Dobbiamo agire con saggezza e seguendo le regole della nostra Costituzione, lo Stato deve tutelare il lavoro in tutte le sue forme ed applicazioni, deve garantire la dignità umana dei nostri Connazionali, secondo quanto stabilito dagli articoli 4 e 35 della nostra Costituzione, ma questo sforzo non può essere realizzato soltanto dallo Stato, per avere ottimi risultati, c'è bisogno di tutti, Governo, Sindacati, Imprese e lavoratori. Ognuno faccia la sua parte. C'è bisogno di un senso di responsabilità, armonia ed unificazione, basta tenere a cuore la frase del nostro Inno (Fratelli d'Italia). Ci vuole ottimismo, nazionalismo ed umanità.

 L'ottimismo, perché, bisogna promuovere il consumo interno. Le imprese devono cercare di creare un senso di armonia con i loro lavoratori ed incentivare il lavoro e la ricerca dei loro prodotti, i lavoratori si debbono impegnare a contribuire con il suo lavoro alla crescita economica del gruppo imprenditoriale in cui ella lavora.

 Nazionalismo, perché, sia lo Stato oppure il Governo, sia ognuno di noi, dobbiamo capire che la migliore forma di far ripartire la nostra economia è con la consumazione dei nostri stessi prodotti (il made in Italy) è fondamentale promuovere il consumo interno, altrimenti, si rischia di perdere il lavoro ed aumentare la disoccupazione, allora, occorre consumare ciò che producono i nostri Connazionali, e le nostre Ambasciate debbono diffondere la qualità e la competizione del nostro made in Italy.

 Umanità, perché, le imprese e le banche, debbono capire che stanno trattando con persone umane, con i nostri Connazionali, e quindi, bisognano retribuire economicamente il lavoro e la contribuzione realizzata dai loro lavoratori, aiutare a chi ha più bisogno, perché, sono loro il motore della nostra economia e sono anche loro i consumatori di tutta la produzione nazionale e quindi, di tutti i prodotti delle nostre imprese, e con essa clienti delle banche.  

Alberto Calle - Redattore - Sintesi Dialettica

www.sintesidialettica.it/ChiSiamo.php

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 04 Aprile, 2009 16:17:19
    Egregio sign. Calle, magari si riuscirebe a fare almeno la metá di quello che lei dice. Albert Einstein: "Chiunque si pone come arbitro in materia di conoscenza è destinato a naufragare fra le risate degli dei" Cordialemnte Cambiano Rosario