Privacy Policy politicamentecorretto.com - L'Aquila/Napoli. Ospedali che crollano con il terremoto, e quelli da evacuare per le eruzioni?

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

L'Aquila/Napoli. Ospedali che crollano con il terremoto, e quelli da evacuare per le eruzioni?

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti parlamentare Radicali - Partito Democratico, segretaria della Commissione Sanita'

 

Terremoti, eruzioni vulcaniche. Ospedali che crollano o che devono essere evacuati nel momento del massimo rischio e dell'emergenza: il caso dell'ospedale de L'Aquila serva almeno ad evitare che si ripetano disastri prevedibili. Occorrera' chiarire come era stato costruito l'ospedale crollato e individuare i responsabili, ma per prevenire situazioni simili sara' bene monitorare anche gli edifici pubblici di altre zone a rischio.
La considerazione, che puo' sembrare banale, in realta' non lo e'! Valga per tutti il caso dell'Ospedale del Mare di Napoli. Un fiore all'occhiello da 190 milioni di euro, 450 posti letto, costruito nella zona gialla (quella da evacuare in caso di eruzione -a pericolosita' differita, in gergo tecnico) al limite della zona rossa a soli 100 metri (quella a rischio eruzione).
In materia ho depositato una interrogazione parlamentare fin dall'avvio della legislatura. Nella risposta fornita nella passata legislatura ci si limito' a spiegarci come tecnici, vulcanologi ed esperti avevano valutato come realizzare le zone rosse e gialle, ma nulla fu detto sulla scelta dell'ubicazione del nuovo Ospedale. Scelta da subito fortemente criticata e decisamente sconsigliata da un gruppo di professori dell'Università Federico II di Napoli con acclarata esperienza in vulcanologia, riconosciuta a livello nazionale e internazionale, che senza mezzi termini paventano uno scenario di grave tragedia in caso di una prossima eruzione del Vesuvio.
Faccio appello
- al prof. Franco Barberi (Commissione Grandi Rischi)
- al prof. Enzo Boschi (Presidente dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - INGV)
- a Guido Bertolaso  (capo della Protezione Civile),
che fino ad oggi hanno evidentemente avallato la realizzazione dell'opera, perche' facciano le verifiche del caso e producano finalmente pareri scientifici per opporsi alle scellerate scelte della politica, unica spiegazione logica alla costruzione dell'Ospedale del Mare alle falde del Vesuvio.


Qui il testo dell'attuale interrogazione depositata in Senato: http://blog.donatellaporetti.it/?p=142

Qui la risposta all'interrogazione (A. C. 4-03882) della passata legislatura:
http://www.aduc.it/dyn/documenti/allegati/donatella/VesuvioRisposta.tif

Invia commento comment Commenti (0 inviato)