Privacy Policy politicamentecorretto.com - Terremoto. Ospedale del Mare a Napoli: urgente l'inchiesta della commissione parlamentare sul SSN

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Terremoto. Ospedale del Mare a Napoli: urgente l'inchiesta della commissione parlamentare sul SSN

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti parlamentare Radicali - Partito Democratico, segretaria della Commissione Sanita' e componente della Commissione d'inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del SSN

 

 

L'Ospedale del Mare, il piu' grosso dell'Italia Meridionale (450 posti letto e 190 milioni il costo stimato nel 2004), e' in costruzione in spregio alle piu' elementari norme di sicurezza a 8 km dal centro eruttivo del Vesuvio, nel quartiere Ponticelli di Napoli. In zona gialla, a 100 metri dalla zona rossa (1).
La delimitazione della zona rossa (con divieto assoluto di costruzione) e di quella gialla (zona a pericolosita' differita e da evacuare) intorno al Vesuvio, e' stata realizzata seguendo i confini amministrativi solo per esigenze logistiche e operative, essendo aree effettivamente a rischio. Solitamente la delimitazione della zona rossa viene fissata con una distanza dal centro del vulcano che oscilla tra 10 e 12 km, e questo avviene per la parte sud-est anche del Vesuvio, non per quella nord-ovest, per cui Ponticelli e l'Ospedale del Mare risultano in zona esclusa dal rischio-invasione della lava.
"L'area a maggiore pericolosita' -detta zona rossa- e' esposta al pericolo di scorrimento di colate piroclastiche e comprende 18 Comuni immediatamente circostanti al vulcano. La zona a minore pericolosita' -zona gialla- e' composta da 59 Comuni e corrisponde a tutta l'area che puo' essere interessata dalla ricaduta di piroclastiti e cenere, con spessori tali da causare il collasso delle coperture di un numero significativo di edifici". Cosi' certificava la scorsa legislatura il Governo in risposta ad una mia interrogazione parlamentare in merito (2).
Abbiamo gia' ripresentato una interrogazione al Governo all'avvio della legislatura (3), abbiamo rivolto pubblici appelli alla Protezione Civile, alla Commissione Grandi Rischi, all'Istituto Nazionale di Vulcanologia (4), ma tutto tace.
L'appello ora e' nel tavolo della commissione d'inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del Servizio Sanitario Nazionale presieduta dal senatore Ignazio Marino, affinche' si occupi di un ospedale che, invece di accogliere i feriti di una eruzione, se va bene dovra' essere evacuato, se va male restera' sotto la lava.
Commissione che gia' ha aperto inchiesta sull'ospedale de L'Aquila crollato per il terremoto e che forse (come ribadito anche dal sen. Marino) ha maggior senso che si occupi anche dei disastri che possono essere prevenuti.
Le eruzioni dei vulcani, i terremoti, gli uragani non possono essere impediti, ma lo Stato ha il dovere di prevenire i rischi e non di mettere a rischio coscientemente la popolazione. Costruire un ospedale in quella zona e' rendersi complice di tentata strage.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)