Privacy Policy politicamentecorretto.com - Laura Garavini in campagna elettorale a Bochum

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Laura Garavini in campagna elettorale a Bochum

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

Insieme per un’Europa che sia più sociale e più democratica

 

„Dobbiamo impegnarci insieme per evitare che l’Europa finisca nelle mani della destra – l’Italia purtroppo sta vivendo quest’esperienza, un’esperienza molto dolorosa. Il PD e la SPD sono fianco a fianco nell’impegno per un’Europa più sociale, più democratica, più giusta”, ha detto l’on. Laura Garavini (PD) nel suo discorso durante la manifestazione d’apertura della campagna elettorale dell’SPD a Bochum.
 
 “In Europa si decidono ormai tantissime cose che hanno riscontro nella vita quotidiana di ognuno di noi – le regole del commercio e del lavoro, così come la qualità del nostro cibo, i prezzi delle telefonate o la protezione dell’ambiente. Noi democratici e socialdemocratici vogliamo un’Europa che guardi innanzitutto agli interessi dei cittadini e dei lavoratori e non solo alle esigenze del mercato. Vogliamo un’Europa della democrazia, dei diritti umani, delle pari opportunità. Per le riforme necessarie abbiamo bisogno di una forte maggioranza sociale e democratica nel Parlamento europeo – abbiamo bisogno di un forte Partito Democratico e di una forte SPD”, ha affermato la deputata PD eletta nella circoscrizione estero davanti ad una vasta platea di militanti dell’SPD.

Prima dell’incontro la Garavini aveva partecipato ad una iniziativa di donne dell’SPD a Gelsenkirchen. La deputata PD ha chiesto un impegno ancora più forte dell’Ue per le pari opportunità. “L’Italia a questo proposito è uno dei casi problematici. L’occupazione delle donne è fra le più basse in Europa, per non parlare della situazione di donne in posizioni dirigenziali. Nonostante questo il Governo Berlusconi ha rifiutato ogni impegno in Finanziaria per cambiare questa tendenza. La destra non ha il benché minimo interesse ad affrontare questo argomento”.

La Garavini ha sottolineato che gli italiani in Europa hanno due possibilità di votare per le europee: o per i partiti e candidati italiani nei consolati il 5 e 6 giugno o per i partiti del loro paese di residenza nei seggi dei comuni il 7 giugno. “Votiamo PD, l’unico partito italiano veramente europeo.”, è stato l’appello della deputata ai connazionali in Europa, “A chi invece sceglie di votare  un partito del suo paese di residenza faccio appello a sostenere un partito del PSE, quindi in Germania la SPD. Anche nel prossimo Parlamento europeo il PD e la SPD saranno fianco a fianco per un’Europa dei cittadini, per un’Europa sociale e democratica”.

Nelle prossime settimane la deputata PD parteciperà a diverse manifestazioni elettorali a sostegno del PD e della SPD. Sul suo sito ha pubblicato un appello al voto in favore dei candidati PD Gianni Pittella, Rosaria Capacchione e Luciano Vecchi.

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 16 Maggio, 2009 17:59:18
    Ma l´UE che dovrebbe fare? Obbligare che gli uomini dell´EU si mettano le gonne e le donne si mettano i pantaloni?. Magari agli uomini gli faremo usare il rossetto.Se lo puo immaginare Lei, per esempio, i nostri eletti all´estero vestiti da donne con i tacchi a spillo in aggiunta ? Le ricordo che: piu Parlamentari italiani ci sono al Parlamento Europeo é piu grossa sará la voce in capitolo. Per intanto diverse associazioni italiane nell´EU stanno lottando per la salvaguardia della lingua italiana con i fatti. Anche al Parlamento Europeo viene trascurata ed ignorata dagli altri componenti , la lingua italiana. L´assurditá delle sue affermazioni sono: mesi fa diceva che si deve salvaguardare l´identitá . la cultura e lingua italiana all´Estero. Oggi invece dice che gli italiani devono votare per i candidati dell´SPD. Se nell´EU si decide tutto, come dice Lei, come vogliamo farci sentire? Togliendo Parlamentari ? Cordialmente Rosario Cambiano Colonia