Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

PATENTE DI GUIDA: CIOCCHETTI; SMARTCARD PER ALLIEVI: SOLUZIONE POCO “SMART”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image


 

 

 

SmartCard per la patente di guida una grande soluzione? Direi di no. Il sistema autoscuole andrà in crisi e continueranno ad aumentare i ritardi clamorosi per effettuare l’esame. – è quanto dichiara il Segretario Regionale dell’ UDC Lazio l’On. Luciano Ciocchetti -  Con la circolare del 7.08.2008 dal 4.05.2009 apprendiamo che non sarà più possibile effettuare gli esami di teoria per la patente A e B presso le sedi delle autoscuole ma si deve necessariamente tenere presso gli uffici della motorizzazione civile con un sistema centralizzato informatizzato lento e male organizzato.  Si sono verificati ritardi clamorosi per poter fare l'esame con problemi per i ragazzi che non risiedono in grandi città o in centri abitativi in cui siano presenti gli uffici della motorizzazione. Bisogna aggiungere a questi disagi – aggiunge Ciocchetti -  la probabilità di mettere in crisi il settore delle autoscuole con conseguente diminuzione dell'occupazione, l’assenza di un servizio dato ai cittadini e soprattutto ai giovani che, sentendosi maggiormente sicuri nel seguire le lezioni teoriche presso le autoscuole, preferivano quest'ultime all'esame da privatista.  Sarà necessario dotare le autoscuole di un sistema informatico in collegamento con gli uffici della motorizzazione. In tal modo si può, in primis dar vita ad un efficiente sistema di controllo da parte dei dirigenti degli uffici preposti della motorizzazione; salvaguardare il comparto occupazionale del settore delle autoscuole mantenendo e migliorando il servizio offerto ai cittadini ed ai giovani. Dal Governo apprendiamo  qualche spiraglio di apertura con la prossima emanazione della direttiva.  Informatizzare le autoscuole – conclude ciocchetti - doveva significare  avvicinare l'utente al gestore del servizio invece, in tal modo, viste le difficoltà lo si allontana.

Invia commento comment Commenti (3 inviato)

  • Inviato in data Michele Panti, 25 Maggio, 2009 22:45:21
    Sono titolare di Autoscuola e nella provincia di Siena, in cui risiedo e lavoro, da anni oramai gli esami di teoria si effettuano presso la sede provinciale della Motorizzazione. Posso quindi testimoniare che nè clamorosi ritardi nè particolari crisi hanno colpito la mia attività. Al contrario gli esami ora vengono effettuati con una trasparenza ed una serietà assoluta. Non vorrei che le parole dette dall\'On. Ciocchetti siano state consigliate dalle potenti lobby delle autoscuole che cercano di mantenere gli esami in sede per poter far sentire gli allievi \"maggiormente sicuri\", magari passeggiando tra i banchi a suggerire le risposte. Caro On. Ciocchetti, queste persone rovinano la mia categoria facendoci passare per bottegai e non per insegnanti come qualcuno di noi ancora si sente.
  • Inviato in data bruno ferrante, 19 Maggio, 2009 22:31:49
    ecco come liquidare in poche righe tutti gli sforzi fatti da una amministrazione che cerca di rendere uniformi e trasparenti le modalità di svolgimento degli esami di teoria. Mi si deve spiegare dov'è tutto questo disagio, e perchè una volta nella vita non si puo' andare alla motorizzazione a svolgere l'esame di teoria per la patente. Piu' che generiche le argomentazioni, le trovo assolutamente inconsistenti. Ci sarà forse lo scotto della prima applicazione, ma negli uffici dove è in funzione da anni, il sistema informatico in questione è EFFICIETISSIMO. non
  • Inviato in data Pasquale D'Anzi, 19 Maggio, 2009 10:02:32
    Il sistema è in esercizio da anni e non è nè lento nè mal organizzato come affermerebbe Ciocchetti che non mi pare porti a conforto delle sue opinioni alcun dato. Fare l'esame presso un ufficio pubblico della motorizzazione non significa, come afferma Ciocchetti, fare l'esame da "privatista". E' singolare come una iniziativa tesa ad utilizzare la tecnologia per rendere più "sicuri" gli esami e "sicure" le strade possa essere attaccato con argomentazioni così generiche! Bah!!! sarà il segno dei tempi. Forse!.