Privacy Policy politicamentecorretto.com - XXXI Sagra del carciofo di Pietrelcina

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

XXXI Sagra del carciofo di Pietrelcina

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

LA TUA PREGHIERA AL MIO CUORE

 

 

Ogni anno, nella seconda settimana di maggio, Pietrelcina, nota principalmente come città che ha dato i natali a Padre Pio, al secolo Francesco Forgione, attira numerosi turisti e curiosi, richiamati dalla celebre sagra del carciofo.
L’evento, giunto quest’anno alla trentunesima edizione, si è svolto sabato 9 e domenica 10 maggio nella piazza del paese, con il carciofo protagonista e star indiscussa.
Non potevano mancare degustazioni di prodotti tipici di questa terra, olio d’oliva, formaggi, salumi, mostre mercato, convegni, spettacoli tradizionali, corsi di cucina e visite guidate nei luoghi natii di San Pio.
I carciofi, grazie alle favorevoli condizioni climatiche e al terreno argilloso, trovano a Pietrelcina un centro di coltivazione ottimale. A introdurli nel borgo sannita,nel lontano 1840, secondo “la leggenda”, è stato l’ ingegner Cardone, Prefetto di Bari.
Gli appezzamenti dedicati alla pianta sono estesi non più di venti ettari, la raccolta è manuale ed avviene sulle sponde del fiume Tammaro, seguendo l’antica tradizione: ogni mazzo di carciofi è formato da quattro “mammarelle” che non sono altro che i capolini centrali, legati con dei giunchi ad “ammazzamento”.
I carciofi(Cynara cardunculus subsp. scolymus (L.) Hegi) sono piante appartenenti alla famiglia delle Compositae, vengono coltivati prevalentemente per uso alimentare o come medicinali per pazienti che soffrono di disturbi al fegato e di dispepsia, L’assunzione dell’ortaggio produce numerosi benefici: regolarizza le funzioni intestinali, ha proprietà antiarteriosclerotiche, depurative, diuretiche ed è utile per abbassare i livelli di colesterolo nell’organismo umano.
Sono spesso consigliati in caso di diete dimagranti, grazie alla povertà di zuccheri e per  la presenza di vitamina A, varie del gruppo B, calcio, fosforo magnesio, ferro, sali di potassio e sodio, soprattutto nelle foglie.
Il carciofo, pianta erbacea poliennale, è probabilmente nato in Africa settentrionale(Egitto) ed è oggi molto diffuso in Italia, Spagna, Francia(che assommano l’80% della produzione mondiale), California, Marocco e Cile.
Era già conosciuto ai tempi  dei greci e dei romani che gli attribuivano grandi poteri afrodisiaci.
In tempi più recenti è da ricordare la celebre “Ode al carciofo”, dell’illustre scrittore e poeta cileno Pablo Neruda, insignito del premio Nobel per la Letteratura nel 1971, che recitava così: “Il carciofo dal tenero cuore si vestì da guerriero,ispida edificò una piccola cupola,si mantenne all’asciutto sotto le sue squame, vicino al lui i vegetali impazziti si arricciarono,divennero viticci,infiorescenze commoventi rizomi”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)