Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

VERANO: CIOCCHETTI; AMA NON RISPETTA CONTRATTO DI SERVIZIO, MUORE IL VERANO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

"Ogni giorno che passa il cimitero monumentale del Verano muore. Ci chiediamo perché l’AMA non rispetti il contratto di servizio e perché il Comune non intervenga  per riqualificare degnamente una zona storica di Roma."  – è quanto dichiara il Segretario Regionale dell’UDC Luciano Ciocchetti – "Sia all’interno che all’esterno abbiamo riscontrato con rammarico che le condizioni di abbandono e illegalità sono rimaste invariate. Neanche dopo l’apertura dell’ indagine sullo scandalo del Verano, riguardo la vendita di alcune tombe, le istituzioni Capitoline hanno deciso  interventi netti. Rimangono cappelle secolari usurpate, tombe ridotte a latrine, depositi di scope e sepolcri artistici ottocenteschi lasciati crollare. Ci segnalano - continua Ciocchetti . che molti sono ancora i furti  di arredi funerari. Per questo appoggiamo l’iniziativa lanciata oggi dal Capogruppo dell’UDC Alessandro Onorato che chiede la convocazione urgente di una commissione Servizi Sociali affinché vengano presi immediati provvedimenti per lo stato di degrado, di mala gestione. Parliamo di un luogo che dovrebbe garantire il giusto rispetto delle salme e il loro ricordo ed invece oltre i defunti viene seppellita anche la loro dignità."

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Dott. Arch:, 03 Novembre, 2009 13:10:14
    Condividiamo e potremmo aggiungere dell'altro.... Volentieri nella prossima argomenteremo di alcuni aspetti anch'essi di primaria importanza. Leonardo Faioli.