Privacy Policy politicamentecorretto.com - Doppio cognome: serve una legge per dare dignita' al cognome delle donne

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Doppio cognome: serve una legge per dare dignita' al cognome delle donne

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti, parlamentare Radicali - Pd, segretaria della commissione Igiene e Sanita'

 

Quello che e' accaduto a Salerno e' emblematico di come nell'Italia delle troppe leggi esistono vuoti normativi che si trascinano da anni nell'indifferenza consapevole del legislatore.

Un bimbo nasce nel 1990 e prende il cognome della madre. Nel 1994 il padre naturale lo riconosce e nel 1997, su istanza di questo padre, il ragazzo cambia cognome assumendo solo quello paterno. Nel 2000 la corte d'Appello di Salerno conferma. Nel 2001 la Cassazione riapre il caso e stabilisce che il cognome debba essere quello materno e nel 2002, dopo l'adeguamento della corte d'Appello di Salerno il ragazzo torno' a chiamarsi col cognome della madre. Ma nel 2004 la cassazione torna indietro e la corte d'Appello di Napoli nel 2007 stabili' che il ragazzo doveva portare il cognome materno seguito da quello paterno. Il ragazzo intanto aveva 17 anni. Il ragazzo, ceh voleva solo il cognome materno fece ricorso in Cassazione che, con la sentenza n.12147, ha respinto la richiesta:  se vuole cambiare cognome si deve rivolgere agli uffici dello stato civile come prevede il decreto parlamentare 396 del 2000.

La famiglia patriarcale e il modello maschilista passano anche dalla negazione del doppio cognome e dalla pari dignita' del cognome materno rispetto a quello paterno. Sembra difficile da intaccare e altra spiegazione non e' possibile sul perche' i figli non possano chiamarsi anche o solo con il cognome della madre.
Si puo' arrivare cosi' alla degenerazione giudiziaria del nostro caso, per cui un padre che riconosce un figlio naturale dopo alcuni anni puo' spazzare via il cognome della madre, perfino contro la volonta' del ragazzo ormai diciassettenne cui i tribunali hanno negato la possibilita' di mantenere solo il cognome della madre.
Una mio disegno di legge giace nei cassetti del Senato, dopo una quasi approvazione alla Camera nella scorsa legislatura. Di fronte a questa mostruosita' credo sia proprio il caso di ritirarlo in gioco:
http://blog.donatellaporetti.it/?p=193

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 29 Maggio, 2009 09:32:21
    Sen Poretti, al figlio/a della coppia che a sua volta hanno tutti e due i cognomi doppi. Quanti cognomi puo portare ? Quali nonni si debbono discriminare? I nonni paterni o i nonni materni? Srebbe piu opportuno dare al minore la possibilitá una volta diventato/a maggiorenne. Scegliersi da solo il cognome che vuole. Cordialmente Rosario Cambiano Colonia