Privacy Policy politicamentecorretto.com - ANTIMAFIA: LUMIA, "IDEE DI BRUNETTA FAREBBERO INORRIDIRE FALCONE"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

ANTIMAFIA: LUMIA, "IDEE DI BRUNETTA FAREBBERO INORRIDIRE FALCONE"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

"Sull'antimafia un cumulo di banalità che abbiamo superato da anni, pagando un prezzo altissimo in termini di uomini, risorse ed energie". Lo ha dichiarato il senatore del Partito Democratico Giuseppe Lumia, commentando le affermazioni sull'antimafia rilasciate dal ministro Brunetta davanti alle telecamere di Klauscondicio.
"Se Falcone fosse vivo - continua - in questo momento inorridirebbe, perché la legislazione antimafia fu pensata proprio per combattere un'organizzazione specifica, che sa coniugare l'aspetto militare con quello delle collusioni nei territori, nell'economia e nella politica".
"Senza una legislazione particolare, come quella prodotta da Pio La Torre fino a Giovanni Falcone, saremmo ancora al teorema 'la mafia non esiste'".
"Stavolta - prosegue Lumia - Brunetta ha esagerato. Ritorni al suo lavoro nella pubblica amministrazione ed eviti di fare un bel regalo alla mafia. Senza il 416 bis, che riconosce il reato di associazione mafiosa, il 41 bis, che prevedere il carcere duro per i boss, la confisca dei beni, che aggredisce il patrimonio dei boss, non ci potrebbe essere nessuna lotta alla mafia".
"Anzi - conclude lumia - la politica deve fare di più e andare fino in fondo, adottando provvedimenti specifici che metterebbero in ginocchio l'organizzazione mafiosa: consentire agli inquirenti di accedere velocemente, attraverso password, all’anagrafe tributaria per indagare sui patrimoni dei boss; rendere obbligatoria la denuncia delle estorsioni per tutti gli operatori economici e scatenare così una rivolta senza precedenti; aumentare la durata delle pene per i reati di stampo mafioso; riorganizzare il 41 bis per impedire la comunicazione dei boss con l’esterno delle carceri; ridurre il numero delle stazioni appaltanti, la cui frammentazione nel territorio riduce l’efficacia dei controlli e favorisce le infiltrazioni mafiose; istituire un’agenzia dei beni confiscati per rendere più efficace il loro riuso sociale; consentire la tracciabilità dei flussi di denaro soprattutto nel mondo degli appalti pubblici”. 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)

Altre notizie