Privacy Policy politicamentecorretto.com - Italiani eletti all’estero, il no di Ottawa. Il Canada non darà più il permesso di candidare parlamentari a Roma

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Italiani eletti all’estero, il no di Ottawa. Il Canada non darà più il permesso di candidare parlamentari a Roma

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Il Senatore Basilio Giordano sulla presa di posizione del governo Harper

 


Apprendo con sopresa e rammarico l’intenzione del governo di Ottawa di non rinnovare il permesso di eleggere cittadini canadesi al Parlamento italiano in occasione delle prossime elezioni politiche nazionali. Per sgomberare il campo da equivoci, dico subito che nutro profondo rispetto e grande ammirazione per il Canada. E non è una frase di circostanza: vivo a Montréal da oltre 30 anni e giorno dopo giorno ho imparato ad apprezzare i pregi di questo Paese, ammirato in tutto il mondo per l’efficienza, la sicurezza ed il benessere sociale. È fuor di dubbio che il Canada, in quanto Stato sovrano, è libero di prendere qualsiasi decisione in merito alla possibilità o meno di far svolgere la campagna elettorale e far eleggere deputati o senatori residenti sul suo territorio. E dunque qualsiasi sia la risposta, positiva o negativa, ad un’eventuale futura richiesta del governo italiano per una terza applicazione della legge Tremaglia, dopo il sì del 2006 e del 2008, sarebbe assolutamente legittima. E però, dal mio punto di vista, immotivata e poco condivisibile. Lo dico a ragion veduta, visto che una scelta di questo tipo toccherebbe da vicino il mio ruolo istituzionale di Senatore della Repubblica italiana eletto nella ripartizione del Nord e Centro America, di cui il Canada rappresenta il cuore pulsante insieme agli Stati Uniti. E credo di poter dire, senza tema di smentite, che alle scorse elezioni politiche abbiamo condotto la campagna elettorale in maniera ordinata e democratica, e soprattutto nel rispetto delle leggi italiane e canadesi, attenendoci con rigore ai limiti ed alle prescrizioni previste da entrambe le legislazioni. Non si è registrata nessuna difficoltà di tipo organizzativo, gli aventi diritto hanno espresso il proprio voto per corrispondenza direttamente da casa. Il Canada, come sappiamo, aveva concesso un sì “condizionato“. E noi ne abbiamo preso atto: non ci sono stati dibattiti pubblici e non si sono visti manifesti elettorali per le strade. Tutto secondo copione. Nessuna regola è stata infranta. Il mio augurio, quindi, anche e soprattutto alla luce della passata esperienza, è che il governo di Ottawa possa rivedere la sua posizione e tornare sui propri passi. Resto convinto che un’appropriata e tempestiva azione diplomatica del governo italiano, anche tramite l’Ambasciatore d’Italia a Ottawa, possa portare ad una soluzione condivisa. Nella certezza che, proseguendo sulla scia delle ultime due tornate elettorali, Canada ed Italia possano rafforzare sempre di più la propria collaborazione di fronte alle sfide internazionali del nostro tempo.

Invia commento comment Commenti (2 inviato)

  • Inviato in data Franco Mancini, 10 Luglio, 2009 08:14:07
    Saggia decisione del Governo Canadese. Franco Mancini ( Extra UE Svizzera )
  • Inviato in data alessandro, 09 Luglio, 2009 06:07:11
    un caro saluto....e appoggio totale x le tue giuste battaglie.