Privacy Policy politicamentecorretto.com - Laura Garavini annuncia un’interrogazione parlamentare

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Laura Garavini annuncia un’interrogazione parlamentare

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

“Inaccettabile che a tanti italiani in Olanda e Francia sia stato impedito di votare”

 

“A tanti italiani residenti in Olanda e Francia è stato impedito di votare ai Consolati per le liste italiane. È inaccettabile”, denuncia l’on. Laura Garavini (PD) annunciando un’interrogazione parlamentare in proposito. “Durante il weekend mi sono arrivate diverse segnalazioni di connazionali residenti nei Paesi Bassi e in Francia, tutti iscritti regolarmente all’Anagrafe degli italiani all’estero, a cui non è stato permesso di esercitare il loro diritto di voto per i candidati italiani. Stando ai diretti interessati, ad un elettore su tre non è stato permesso di votare. Il Governo deve far subito chiarezza in questa vicenda”.

 

In base alle prime informazioni che arrivano dai Paesi Bassi le autorità locali avrebbero considerato “optanti” i connazionali residenti in Olanda, solo in virtú del fatto che ai precedenti appuntamenti elettorali loro si erano espressi per i candidati locali, senza prevedere l´opportunità di iscriversi al voto per questa specifica tornata elettorale. “È molto grave che, rispetto a tassi di partecipazione già bassi, un gran numero di elettori non abbia potuto esercitare il proprio diritto di voto, e questo nonostante fossero muniti della documentazione idonea a dimostrare che non hanno votato per i candidati olandesi”.

 

Problemi analoghi si sarebbero verificati in Francia. Anche qua tanti connazionali non potevano votare nei Consolati perché considerati “optanti” dalle autorità locali. “Inoltre il PD di Parigi segnala che i certificati elettorali sono arrivati in forte ritardo, altri con l’indicazione dei seggi sbagliati. Il voto nei consolati per tanti nostri connazionali è stata una corsa ad ostacoli. Se si considera inoltre che il Governo ha tagliato il numero dei seggi a disposizione degli italiani in Europa non c’è da stupirsi che la partecipazione al voto sia stata molto bassa. Si ha l’impressione che al Governo interessi ben poco che gli italiani residenti all’estero possano esercitare il loro diritto”, dice la Garavini.

 

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Carmine Gonnella , 08 Giugno, 2009 11:15:06
    ONOREVOLA le faccio presente che una buona meta' dell'elettorato italiano all'estero NON HA VOTATO. E' inutile gridare come al solito all'imbroglio come avete sempre fatto dal 2006 in poi. Siete voi eletti all'estero che avete fallito nel convincere l'eletorato. Faccia un altra interrogazione: "perche' l'elettorato italiano all'estero non e' stato adeguatamente informato? Farebbe una bella figura.