Privacy Policy politicamentecorretto.com - LE DUE AFRICHE. Paragone tra Obama e Berlusconi

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

LE DUE AFRICHE. Paragone tra Obama e Berlusconi

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 


Per pura coincidenza Obama e Berlusconi hanno pronunciato nello stesso giorno, il 4 di giugno, due discorsi.

    Obama ha parlato in Africa, al Cairo, nella prestigioso centro di studi islamici al-Azhar, nella cui moschea ha  sede la massima autorità religiosa sannita, il Grande Imam di al-Azhar.

    Berlusconi, invece, ha tenuto il suo discorso elettorale a Milano, nell’ex Palazzo del Ghiaccio di via Piranesi, parlando anche d’Africa.

    La lettura dei due discorsi rende plastico l’abisso che separa i due personaggi, malgrado le pretese di Berlusconi di essere un leader di statura (!) mondiale.

    Ho potuto ascoltare passaggi del discorso di Obama in  lingua originale e mi ha sorpreso come, quando i concetti sono chiari, anche una lingua straniera diventi più comprensibile.

    Obama ha la capacità di parlare alla mente ed al cuore: nei rapporti Occidente ed Islam si dirigeva sia agli intellettuali, che conoscono le tesi di Hungtinton sullo scontro di civiltà, che alle persone semplici, anche analfabete.  Obama sapeva di non poter parlare soltanto ai governanti dei paesi arabi, moderati od estremisti che siano, ma soprattutto alla pubblica opinione e  alle masse arabe.

    Le sue parole erano semplici, ma non semplificatrici e la dimostrazione che semplicità e profondità dei concetti si possono coniugare, se dietro ci sono convinzioni ferme, principi saldi, integrità politica ed il senso di avere una missione.

    Come italiano e milanese provo, invece, pena alle parole di Berlusconi, che, come dai “comunisti”, è ossessionato dall’Africa. Una settimana fa era la sporcizia a fare di Roma una città africana, ora è la composizione etnica a far diventare africana la città di Milano.  In entrambi i casi ”africano” non è un semplice aggettivo che denota una zona geografica, ma un segno di disprezzo, praticamente un insulto: alla faccia della culla dell’umanità!

    Berlusconi, a differenza di Obama, parla alla pancia delle persone e vola tanto più basso, quanto più deve fare concorrenza alla Lega. La Lega minaccia il sorpasso del PdL in Lombardia e Veneto: ormai vanno di moda gli alleati competitori, come ha insegnato il PD alleandosi con Di Pietro, invece che con la sinistra riformista.

    Nel dibattito politico italiano non è nemmeno entrata l’Europa, perciò non dobbiamo meravigliarci che non entrino questioni planetarie, come quella dei rapporti tra l’Occidente e l’Islam, ovvero continentali come il Medio-Oriente ed il conflitto israelo-palestinese.

    Rammarichiamoci, ma non facciamo l’errore di rendere responsabili gli elettori italiani: se non sì capiti, è perché non ci si è fatti capire ovvero non si è credibili. (ADL)

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data Vale, 11 Giugno, 2009 20:30:38
    Salve, sono una studentessa dell\'università di Bologna. Ho trovato questo blog mentre tentavo di scovare on line il testo del discorso di Berlusconi del 4 giugno (quello conclusivo della campagna elettorale). Visto che in questo articolo è stato commentato, mi chiedevo se qualcuno poteva indicarmi se e dove posso trovarlo. Mi serve per motivi di studio! Grazie mille! Vale