Privacy Policy politicamentecorretto.com - VOTO ALL’ESTERO, DANIELI (PD): “LA SCONFITTA IMPONE UNA RIFLESSIONE SERIA”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

VOTO ALL’ESTERO, DANIELI (PD): “LA SCONFITTA IMPONE UNA RIFLESSIONE SERIA”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 


DICHIARAZIONE DEL SEN. FRANCO DANIELI, DIRIGENTE DELLA CIRCOSCRIZIONE ESTERO DEL PD E GIA’ VICE MINISTRO DEGLI AFFARI ESTERI CON DELEGA PER GLI ITALIANI NEL MONDO NEI GOVERNI DI CENTRO-SINISTRA.

 

 

 


“Non ora, poiché siamo tutti impegnati nella difficile campagna elettorale per i ballottaggi, ma sicuramente subito dopo sarà indispensabile aprire una discussione, avviare un confronto di merito, con trasparenza e schiettezza, come ha giustamente affermato e preteso il Segretario Franceschini, sullo stato del PD nella Circoscrizione Estero e sulle soluzioni da adottare. E questo a maggior ragione dopo l’ennesima pesante sconfitta registrata dal PD tra i nostri connazionali all’estero. Infatti il 22,83 % conseguito all’estero è un dato evidentemente molto negativo e in controtendenza rispetto allo stesso risultato nazionale. Per la prima volta il PD non è il primo partito, non è in crescita e registra le perdite più corpose tra tutti i partiti rilevanti del centro-destra e del centro-sinistra che vedono aumentare i propri consensi, in qualche caso in modo consistente come Sinistra e Libertà al 7,32 %, Di Pietro IdV al 13,48 % e così come il PDL che cresce nettamente rispetto alle Europee del 2004, alle Politiche del 2006 e alle Politiche del 2008. Dobbiamo ripartire dall’etica, dai valori, dai programmi e dai progetti, elementi che devono essere distintivi e imprescindibili, sui quali si riconoscono anche le nostre collettività all’estero. Al tempo stesso va rilanciata e ricostruita quella rete di rapporti di fiducia e di collaborazione tra i diversi soggetti politici come è stato nel passato e che, al contrario di oggi, ci ha portato a vincere”.

Invia commento comment Commenti (1 inviato)

  • Inviato in data rosario cambiano, 11 Giugno, 2009 16:14:36
    Si vede che il Boomerang,ha fatto effetto anche all´estero. Cordialmente Rosario Cambiano Colonia