Privacy Policy politicamentecorretto.com - Divorzio breve all'italiana, in attesa di una legge ci si arrangia!

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Divorzio breve all'italiana, in attesa di una legge ci si arrangia!

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Dichiarazione della sen. Donatella Poretti, Radicali-Pd

Si e' tenuta stamane 17 giugno davanti a Montecitorio una manifestazione promossa dalla Lega italiana per il divorzio breve per sollecitare il legislatore a fare il suo lavoro e mettere in discussione una legge che la societa' italiana sta chiedendo da tempo. In particolare la stanno chiedendo tutti quei coniugi che consensualmente hanno chiesto il divorzio ma devono comunque aspettare i tempi della separazione e pagare avvocati.
All'epoca della legge sul divorzio (fine anni '960), un film racconto' bene cosa succedeva in mancanza di una legge e il "Divorzio all'italiana" fece riflettere. Grazie anche al delitto d'onore, la soluzione e la fine di un matrimonio, quando si voleva, si trovava!
Anche oggi l'Italia ha trovato comunque il modo per avere il divorzio breve, si potrebbe chiamare "Divorzio breve alla vaticana". Basta infatti che il matrimonio si sia celebrato in Chiesa. Cosi' tutte quelle tutele stabilite dal legislatore italiano per il coniuge piu' debole e per i figli vengono meno per miracolo.  E sono spesso quelle tutele che vengono contrapposte dai contrari ad una legge per il divorzio breve quando sostengono la necessita' dei tre anni di decantazione tra la separazione e il divorzio.
Il matrimonio viene, infatti, sciolto, dichiarato nullo dalla Sacra Rota, mai esistito con le giustificazioni piu' incredibili. Il coniuge era mammone, ninfomane, depresso, oltre al matrimonio mai consumato!
E i numeri delle richieste soddisfatte sono espliciti: a gennaio 2006 su 46.060 sentenze di prima istanza, quelle di nullita' sono state 42.920! Cosi' come pure secondo i dati del 2008 un matrimonio religioso su 5 viene annullato dalla Sacra Rota. Per ottenere l'annullamento occorre mediamente un anno e mezzo, massimo due; il costo medio e' di  20 mila euro in parcelle; per venire incontro ai meno abbienti la Conferenza Episcopale Italiana destina perfino una quota dell'otto per mille....
Ancora una volta e' abissale la differenza tra la predica e la pratica!

Invia commento comment Commenti (0 inviato)