Privacy Policy politicamentecorretto.com - Procreazione medicalmente assistita. Come complicare le cose complicate: il caso legge 40 e le nuove commissioni del ministero. Interrogazione

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Procreazione medicalmente assistita. Come complicare le cose complicate: il caso legge 40 e le nuove commissioni del ministero. Interrogazione

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti, Parlamentare Radicale - Partito Democratico, Segretaria Commissione Igiene e Sanita'

Cosa vogliano ottenere il ministro Maurizio Sacconi e la sottosegretaria Eugenia Roccella con le due nuove commissioni sulla procreazione medicalmente assistita (PMA), davvero non si capisce, se non forse tentare di rendere ancora piu' complicato cio' che sicuramente semplice non e'. E cosi', seguendo l'italianissima tradizione della moltiplicazione di organismi e commissioni uno sopra l'altro, il cui business non e' certo irrilevante, con competenze che sfumano e si accavallano fino a diventare indefinite, credono probabilmente che alimentare la confusione sulla materia rendendola ancor piu' sfuggente e ostica al pubblico serva a non far comprendere che sempre piu' coppie infertili sono costrette a emigrare all'estero per tentare di avere un figlio. Le commissioni presentate in conferenza stampa il 27 maggio scorso dai due esponenti di governo si occuperanno, una delle stesse competenze definite dalla legge 40/2004 per l'ISS e il Registro nazionale delle strutture autorizzat
e alla
PMA, l'altra della sorte degli embrioni conservati (mentre ancora si attende che sia chiarito come verra' attuato il trasferimento degli embrioni abbandonati presso il centro di raccolta di Milano) e della formulazione del consenso informato da parte delle coppie, cosa, quest'ultima, che ai termini della legge 40 richiede invece il pronunciamento dei ministeri della Giustizia e della Salute insieme. Peccato, perche' se proprio volevano nominare delle commissioni, una sicuramente utile era quella che si potrebbe occupare di indicare i requisiti dei centri PMA secondo le normative comunitarie, ma evidentemente non ci hanno pensato. Per avere lumi in merito a queste incomprensibili decisioni del governo, assieme al senatore Marco Perduca e in collaborazione con Filomena Gallo, Vicesegretario dell'Associazione Luca Concioni e Presidente di Amica Cicogna, abbiamo rivolto un'apposita interrogazione parlamentare al Ministro del Lavoro, Salute e Politiche Sociali.

Qui il testo dell'interrogazione: http://blog.donatellaporetti.it/?p=654

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)