Privacy Policy politicamentecorretto.com - Elezioni. A Firenze le illegalita': induzione al non-voto referendario nei seggi

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Elezioni. A Firenze le illegalita': induzione al non-voto referendario nei seggi

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


Dichiarazione della sen. Donatella Poretti, parlamentare Radicali-Pd



Stamane sono andata a votare alla mia sezione, la n.271 nel quartiere Rifredi di Firenze, e c'era una coda incredibile che non era tanto normale, tant'e' che anche i vigili li' presenti erano a controllare cosa stesse accadendo perche' gli altri seggi di quella scuola non presentavano il medesimo problema. Succedeva che gli scrutatori chiedevano agli elettori se volevano tutte le quatttro schede (il ballottaggio per le comunali e i tre referendum), questo rallentava il tutto e, a mio avviso rappresentava campagna elettorale illegale da parte dei membri di quel seggio. E non ha senso la loro difesa, alle mie rimostranze, che serviva loro se compilare o meno il secondo registro (sapere prima o dopo se l'elettore voleva tutte le schede era una differenza di pochi secondi che non giustificava la loro richiesta). Richiesta che a mio avviso e' una induzione al non-voto e non una semplice presa d'atto della volonta'dell'elettore, che sarebbe compito di chi presta servizio al seggio.
  Anche
e soprattutto in considerazione del fatto che la non-partecipazione al voto, in un referendum in cui conta per la validita' il numero di partecipanti, anche l'astensionismo ha un valore politico maggiore di quanto non ce l'abbia gia' in se' in altre consultazioni. La prossima volta mi chiederanno cosa voto?
A mio avviso presidente e scrutatori di quel seggio si sono sentiti autorizzati a farlo, in modo esplicito e senza remore grazie al clima di sfascismo istituzionale che sta diffondendosi sempre di piu' nel Paese (ministri del Governo che fanno propaganda per la non partecipazione al voto e' un incentivo in merito).
Ho denunciato l'illecito in atto ai funzionari di polizia e del Comune presenti sul posto ed ora mi aspetto un esemplare provvedimento.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)