Privacy Policy politicamentecorretto.com - La guida strategica del Top-manager di successo

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

La guida strategica del Top-manager di successo

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 


“Sconfiggere il nemico senza combattere è la massima abilità” (Sun Tzu)
Per fronteggiare la concorrenza internazionale e favorire lo sviluppo di una mentalità manageriale vincente all’interno delle imprese è necessario imparare ad agire in modo strategico.
L’arte della guerra di Sun Tzu è un trattato composto da linee guida che implementano e coordinano le azioni da porre in essere per raggiungere lo scopo che ci si è prefissi, in maniera efficace. Queste teorie sono applicabili perfettamente, come le altre opere della cultura sino-giapponese, al business, alla conduzione degli affari e all’ottimizzazione strategica delle risorse umane e non.
Il libro, ispirato ai principi della filosofia taoista , è un trattato di strategia e tecnica militare attribuito al generale Sunzi che ha vissuto  in Cina tra il VI e il V secolo a.C..
Il fattore fondamentale dell’arte della guerra è il Tao che indica “la via diretta”, la forza morale ed il prestigio di un comandante. “Col termine Tao, intendo tutto ciò che induce il popolo ad essere in armonia coi suoi capi, per la vita e
per la morte, sfidando anche il pericolo estremo”(S.T.).
Il generale esperto,oppure il brainworker di un’impresa, vince perché ha le conoscenze strategiche  migliori, è intelligente,rende armonica la vita all’interno dello schieramento, si adatta all’ambiente e  al nemico che deve fronteggiare e lo sconfigge, senza distruggerlo, ancor prima di scendere in campo,utilizzando strategie indirette che tramutano i vantaggi in svantaggi e viceversa. “Conosci il nemico come conosci te stesso. Se farai così, anche in mezzo a cento battaglie non ti troverai mai in pericolo”(S.T).

Il top manager combatte al fianco dei propri uomini stima i collaboratori ed è come loro, è un uomo in mezzo ad altri uomini . Non è un despota, ha un forte carisma ed una vision illuminata che trasmette a tutti. Definisce i ruoli in modo che ognuno partecipi al  miglioramento incrementale dell’azienda. Sa, grazie agli insegnamenti delle neuroscienze e soprattutto del Buddismo Zen, che la coscienza non è consegnata agli uomini da una divinità, ma viene costruita giorno per giorno dalla nostra esperienza.
Per essere un buon manager è vitale pensare strategicamente, perseguire la conoscenza che rappresenta il know how procedurale essenziale per trasformare il sapere intangibile in ricchezza tangibile e trattare i soldati benevolmente, come se fossero dei figli.
Molti famosi condottieri del passato sembra che siano stati profondamente influenzati da questo trattato come ad esempio Napoleone,Mao.
Secondo Sun Tzu non conta la quantità di lavoro delle persone ma l’orientamento agli obiettivi che si riescono a  raggiungere, dissipando il minor numero di energie e semplificando i processi decisionali.
Importante è l’addestramento che agevola il comandante a snellire l’organizzazione dell’esercito, responsabilizzando i gradi inferiori che risolvono i problemi che giornalmente possono presentarsi nell’azienda, consentendo ai vertici dirigenziali di avere maggior tempo per occuparsi di aspetti maggiormente prioritari.
La facoltà di cambiare, la flessibilità , la capacità di adeguarsi alle novità  è necessaria affinché il sistema perduri nel tempo e riesca a conquistare l’obiettivo prefissato, che per Sun Tzu era la vittoria della guerra.
Per consentire al flusso circolare della conoscenza strategica di innervare tutta l’ organizzazione del sapere, bisogna mantenere alte le performance, altrimenti la capacità di innovare perde linfa ed il sistema entra in crisi. Per evitare questo loop è necessario alzare il livello qualitativo degli standard  strategico-operativi dell’impresa al fine di renderla forte ed inattaccabile dai competitors esterni.
“Non attaccare per dimostrare la tua forza, ma attacca solo quando la tua forza può essere applicata”(S.T)

Invia commento comment Commenti (4 inviato)

  • Inviato in data Nicola clemente, 01 Luglio, 2009 07:21:07
    Taoismo e Buddismo Zen sono filosofie che applicate ad ogni genere di organizzazioni(anche no profit)consentono di valorizzare i lavoratori e farli sentire parte integrante degli obiettivi aziendali(.http://www.politicamentecorretto.com/index.php?news=5567) Naturalmente l'uso che poi viene fatto di questi strumenti può essere positivo o negativo, come tutto del resto. Saluti
  • Inviato in data Doriana Goracci, 30 Giugno, 2009 19:24:59
    Mi ha tranquillizzata, capisce...vero? Poi rimane il top manager di successo, ma per mia fortuna sono "fuori" da questi campi di lavoro. "L'Esercito degli Stati Uniti ha incluso l' Arte della guerra fra le opere che devono essere presenti nelle biblioteche delle singole unità, per la formazione continua del personale"...dalla padella alla brace. grazie in ogni caso per la sua attenzione e risposta Doriana Goracci
  • Inviato in data Nicola clemente, 30 Giugno, 2009 11:01:12
    Per mia fortuna si tratta solamente di un caso di omonimia,viste le sconcertanti dichiarazioni del consigliere....
  • Inviato in data Doriana Goracci, 30 Giugno, 2009 07:49:44
    Ma lei signor Clemente è il Nicola consigliere comunale in quel d'Altamura?Il suo top Manager che orientamenti sessuali ha? Lei capisce , se fosse omosessuale e malato?... Altamura-Link, su Dico e coppie di fatto consigliere Clemente alza polveroni http://www.notizie-online.it/content/view/20984/41/ Mi auguro Lei non sia lo stesso, dica dica, quanto è difficile fare politica... Doriana goracci