Privacy Policy politicamentecorretto.com - “La criminalità organizzata nel Mediterraneo”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

“La criminalità organizzata nel Mediterraneo”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

L’on. Angela NAPOLI (PDL) è stata relatrice dell’incontro sul tema “La criminalità organizzata nel Mediterraneo”, svoltosi a Lisbona dal 24 al 26 giugno u.s. nell’ambito dei lavori della I^ Commissione permanente dell’Assemblea Parlamentare dei Paesi del Mediterraneo  (APM). Dopo la relazione l’on. Angela Napoli ha presentato la risoluzione, approvata all’unanimità, con la quale si è deciso di invitare tutti i Parlamenti dell’APM ad organizzare  seminari/conferenze/workshop nazionali e regionali sulla criminalità organizzata al fine di studiare le tendenze attuali e le misure ed i meccanismi  vigenti per la lotta alle attività criminali a livello nazionale ed internazionale. Sono state, altresì, invitate le delegazioni dell’APM ad individuare, con l’assistenza delle autorità competenti a livello nazionale, settori nei quali la criminalità sia stata riportata con successo sotto controllo, al fine di ottenere  scambi informativi sulle migliori pratiche di contrasto. E’ stato deciso di incentrare il lavoro futuro dell’APM su un numero limitato di specifici reati transfrontalieri per aumentare la sensibilità ed elaborare soluzioni a tali questioni specifiche, a livello regionale. Sono stati, ancora, invitati gli Stati membri dell’APM a firmare un patto regionale  per il rafforzamento della cooperazione nella lotta contro il crimine organizzato, comprendente lo scambio di intelligence, le raccolte di dati e le valutazioni  delle politiche implementate. Ed, infine, si è stabilito di coinvolgere il mondo accademico per futuri studi e di instaurare rapporti di collaborazione con le organizzazioni regionali attive nella lotta alla criminalità organizzata nel Mediterraneo, incluse l’ONU, l’INTERPOL , l’OSCE e il Consiglio d’Europa.
L’on. Angela Napoli ha ricevuto il plauso di tutti i partecipanti dei Paesi del Mediterraneo per il contenuto puntuale della relazione ed anche per la proposta di risoluzione presentata.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)