Privacy Policy politicamentecorretto.com - Laura Garavini alla tavola rotonda “Cervelli in fuga” del PD Londra“

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Laura Garavini alla tavola rotonda “Cervelli in fuga” del PD Londra“

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Dall’estero una ondata di internazionalità e meritocrazia per l’Università italiana”

 

 

“Cosa cambiare per incentivare il rientro e la mobilità dei ricercatori in Italia?” È questo il punto interrogativo dal quale ha preso il via un vivace dibattito tra i partecipanti al seminario “Cervelli in fuga” organizzato dal circolo PD di Londra. C’è consenso sulla diagnosi dei problemi, come ha illustrato l’on. Laura Garavini intervenendo nella discussione: “I mali propri dell’università italiana – baronie, nepotismi e clientelismi – li conosciamo fin troppo bene. Ci vuole ora una svolta radicale, altrimenti l’Italia corre il grave rischio di rimanere sempre più indietro nella ricerca rispetto alle altre nazioni importanti in Europa e nel mondo”.

La ricetta della parlamentare PD eletta dagli italiani all’estero è facilmente riassunta: “Meritocrazia, trasparenza ed internazionalità – sono questi gli ingredienti per rilanciare la ricerca in Italia. Solo se iniziamo a valorizzare di più i nostri talenti, possiamo riuscire a frenare la “fuga dei cervelli” e convincere le nostre menti eccellenti a tornare”. Concretamente, la giovane deputata prima firmataria della proposta di legge PRIME punta sulla creazione di una fondazione che metterà a disposizione borse di ricerca a scienziati con esperienze fuori dall’Italia.

Un apprezzamento unisono per la proposta della Garavini da parte del professor Andrea Biondi del King’s College di Londra e dei relatori al dibattito, Nicola Gardini, professore di letteratura a Oxford e autore del libro “I Baroni”, Fulvio D’Aquisto, professore di immunofarmacologia alla Queen Mary University di Londra, e Simona Milio, direttore associato presso la London School of Economics e candidata per il PD alle Politiche 2008: “L’auspicio è che questa proposta diventi una sorta di virus positivo che contribuisca a modernizzare radicalmente il sistema universitario in Italia che finora ha spinto migliaia di ricercatori italiani a fare carriera all’estero”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)