Privacy Policy politicamentecorretto.com - La Calabria nella morsa di un cartello bancario che ha stritolato imprese e cittadini

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

La Calabria nella morsa di un cartello bancario che ha stritolato imprese e cittadini

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image
“La Calabria nella morsa di un cartello bancario che ha stritolato imprese e cittadini, arricchendosi indebitamente attraverso l’applicazione di interessi usurai e distorcendo il libero mercato.Gravissimi danni all’economia calabrese”!

Il Deputato del pd della Commissione antimafia, on. Franco Laratta, ha depositato ieri alla Camera un’interpellanza urgente ai Ministri dell’ Economia e dell’Interno, Tremonti e Maroni. Nell’interpellanza parlamentare, l’on. Laratta sposa in pieno la denuncia del noto imprenditore calabrese, Antonino De Masi, che da anni combatte una straordinaria battaglia per liberare la Calabria e i calabresi dalla morsa di un cartello bancario che ha stritolato imprese e cittadini, arricchendosi indebitamente attraverso l’applicazione di interessi usurai e distorcendo il libero mercato.

La battaglia di De Masi attraversa tutte le istituzioni del Paese, dai tribunali alle diverse Autorità Garanti. Le segnalazioni e le denunce trovano quasi sempre riscontri positivi, anche se in Calabria in pochi sostingono la coraggiosa battaglia di De Masi. Eppure le sentenze parlano chiaro, la denuncia di De Masi ha un forte fondamento, la Calabria è stritolata dalla morsa di un cartello bancario . Per cui il deputato del Pd Franco Laratta decide di portare alla Camera questa battaglia e chiama in causa il Governo. Laratta chiede se i ministri competenti sono a conoscenza delle denunce di De Masi, del percorso giudiziario delle stesse, degli interventi dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, delle sentenze del Tribunale di Palmi. E non solo: il parlamentare chiede che si faccia piena luce, che non venga lasciato solo l’imprenditore, che si intervenga per ripristinare la legalità in un settore, quello bancario calabrese  dove ‘sono accaduti fatti gravissimi in questi anni da poter chiaramente parlare di  chiarissime violazioni di legge ai danni dell’intero sistema economico produttivo”.

Laratta,  afferma che “dopo aver studiato attentamente  quanto denunciato e segnalato da De Masi, dopo aver letto gli atti prodotti, le sentenze e le decisioni delle diverse Autority competenti, è chiaro che non possiamo stare a guardare. Che il Governo non può far finta di non sapere e di non vedere quello che è accaduto in questi anni in Calabria”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)