Privacy Policy politicamentecorretto.com - REFERENDUM: PD, PRESENTATI DLL COSTITUZIONALI PER MODIFICARLO

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

REFERENDUM: PD, PRESENTATI DLL COSTITUZIONALI PER MODIFICARLO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

I senatori del Pd e del Svp-Udc hanno incontrato oggi i rappresentanti di varie associazioni di cittadini (Democrazia diretta, Officina democrazia, Iniziativa per più democrazia Alto Adige) per presentare i disegni di legge costituzionali per modificare l'istituzione referendaria.

"Il programma del Pd alle ultime elezioni politiche comprendeva la riforma del referendum abrogativo e l'introduzione del referendum propositivo - afferma la sen. Marilena Adamo - Per questo, già lo scorso 20 ottobre, avevo presentato in Senato, insieme al collega Ceccanti ed altri, un ddl di modifica degli articoli 71 e 75 della Costituzione. Iscritto all'ordine del giorno su nostra insistenza, è rimasto a giacere perché per la maggioranza non era prioritario. C'è voluto lo sconfortante, ennesimo fallimento di un referendum per mancanza di quorum, per riaprire un serio dibattito sul tema e per ottenere finalmente l'avvio della discussione alla Commissione Affari Costituzionali".

"Il ddl - prosegue - si propone di innovare profondamente il referendum abrogativo e introdurre quello propositivo. Tre i punti fondamentali sul primo: anticipazione del giudizio della Corte Costituzionale, innalzamento del numero di firme necessarie, modifica del quorum. E poi l'introduzione del referendum propositivo - al pari di quanto fatto in Francia nel luglio 2008 -  come strumento di equilibrio costituzionale complessivo. Troppe proposte di iniziativa popolare giacciono non discusse dalle Camere".

"Il Parlamento - aggiunge la sen. Donatella Poretti - dovrebbe rispondere avviando da subito la riforma senza aspettare il disegno di legge annunciato dal Ministro Maroni. Per questo ho depositato un ddl costituzionale che pone al centro la possibilità di ridare importanza all'istituto referendario attraverso l'abolizione del quorum. La Costituzione ci ha dato due schede elettorali, una per votare i scegliere legislatore e l'altra per correggerli con il referendum abrogando leggi che i cittadini reputano ingiuste o sbagliate. Occorre riappropriarsi di entrambe le schede. Si proceda con l'esame delle proposte già presentate, prima che i dati preoccupanti non solo sulla partecipazione elettorale ma in generale sulla disaffezione per la politica giungano, quelli sì, a soglie non superabili per la credibilità delle nostre istituzioni democratiche".  

Invia commento comment Commenti (0 inviato)