Privacy Policy politicamentecorretto.com - Che succede ai prodotti 'Made in Italy'? Interrogazione

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Che succede ai prodotti 'Made in Italy'? Interrogazione

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


Intervento della senatrice Donatella Poretti, parlamentare Radicali - Pd e segretaria della commissione Igiene e Sanita'

Ma cosa succede nel "Made in Italy"? Le denunce arrivano da piu' parti, associazioni di categoria come Coldiretti e associazioni di consumatori come Aduc rilevano frequentemente violazioni delle norme e anche la giustizia si muove in questo senso. Sono di questi giorni le denunce sui prodotti, soprattutto il latte, che varcano le frontiere e finiscono nei nostri scaffali con l'etichetta "Made in Italy". E' dei giorni scorsi la condanna per la contraffazione di uno dei prodotti di eccellenza come il vino Brunello di Montalcino.
Per questo, insieme al senatore Marco Perduca, ho presentato una interrogazione
al Ministro del Lavoro, Salute e Politiche Sociali, al Ministro delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali e al Ministro dello Sviluppo Economico per sapere:
- a quali controlli, da parte di quali enti, e' sottoposto ogni prodotto al momento dell'importazione in Italia e successivamente fino alla commercializzazione nel nostro Paese;
- come mai un prodotto di importazioni puo' essere facilmente etichettato e commercializzato quale "Made in Italy" anche quando non lo e';
- se i ministri intendano adottare opportuni provvedimenti al fine di rendere più efficiente la rete di controlli sui prodotti di importazione e sulle loro etichettatura e commercializzazione, al fine di salvaguardare l'autenticita' del marchio "Made in Italy" e di garantire trasparenza ai consumatori.


Qui il testo dell'interrogazione: http://blog.donatellaporetti.it/?p=707

Invia commento comment Commenti (0 inviato)