Privacy Policy politicamentecorretto.com - Decreto anticrisi-bis. Sfregio a regole e istituzioni: dal bicameralismo al monocameralismo senza cambiare la Costituzione!

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Decreto anticrisi-bis. Sfregio a regole e istituzioni: dal bicameralismo al monocameralismo senza cambiare la Costituzione!

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti, Radicali - Pd

La questione del decreto anticrisi-bis e' istituzionalmente molto delicata. Il decreto anticrisi del Governo, nel passaggio di conversione in legge alla Camera dei Deputati, ha avuto delle modifiche che devono essere corrette, in particolare sulle competenze del ministero dell'Ambiente su reti e infrastrutture energetiche e sulle competenze della Corte dei Conti. Il nostro sistema istituzionale indica la strada per queste correzioni: il testo deve essere ancora esaminato dal Senato che potrebbe cosi' rimandarlo in terza lettura alla Camera e solo dopo diverrebbe legge e sarebbe pubblicato in Gazzetta Ufficiale.
Troppo semplice e rispettoso delle regole? Evidentemente si'. Mentre al Senato aspettiamo di esaminare questo testo, la notizia che circola, avvalorata dalla chiusura gia' prevista dalla Camera, e' che il Senato non fara' alcuna modifica e il Governo fara' un nuovo decreto sulle specifiche modifiche e poi il Parlamento lo convertira' in legge a settembre.
La mossa presenta il "vantaggio" di salvare le vacanze dei deputati ed evitare contraddizioni e ulteriori richieste della maggioranza.
La mossa presenta lo "svantaggio" di rendere inutile e superfluo il passaggio al Senato. L'inutilita' delle istituzioni sono un danno e un pericolo per la democrazia e alimentano l'antipolitica e il populismo.
La mossa e' l'ennesimo sfregio alle regole e alle istituzioni, avvalorata dalle istituzioni medesime. Il Senato non puo' accettare di votare un testo di cui gia' si conoscono le correzioni che il Senato stesso potrebbe e dovrebbe fare. Non si puo' accettare di votare un testo che in alcune sue parti non entrera' mai in vigore, perche' sara' corretto da un decreto, la cui unica necessita' e urgenza e' motivata dalle vacanze dei parlamentari.
Un fulgido esempio di come passare dal bicameralismo al monocameralismo senza cambiare la Costituzione grazie al ferragosto....

Invia commento comment Commenti (0 inviato)