Privacy Policy politicamentecorretto.com - Ru486. Metodo gia' previsto in legge. Contraccezione, clandestinita' e obiezione di coscienza

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Ru486. Metodo gia' previsto in legge. Contraccezione, clandestinita' e obiezione di coscienza

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Intervento della sen. Donatella Poretti, Radicali - Pd. segretaria commissione Igiene e Sanita'

 

La decisione dell'Aifa era un atto dovuto vista la procedura del mutuo riconoscimento di un farmaco sperimentato e utilizzato in alcuni Paesi europei da oltre 10 anni. La notizia in realta' non c'e' nonostante il susseguirsi di commenti: la legge 194/78 prevede l'interruzione volontaria di gravidanza e prevedeva anche la possibilita' che le tecniche si aggiornassero e quindi non solo non prevedeva il solo intervento chirurgico, ma anzi promuoveva altre modalita' tra cui appunto quello farmacologico.
Chi decide di interrompere una gravidanza non desiderata non lo fara' perche' esiste anche la possibilita' della Ru486, l'immagine di una donna che decide di non essere madre perche' c'e' una pillola e' quanto di più maschilista e idiota possa essere detto.
Se vogliamo parlare di aborto e di come fare a proseguire nel trend di calo di ricorso all'aborto, e' bene parlare di contraccezione e di procreazione responsabile pensando anche di coinvolgere la scuola con momenti di informazione sessuale e le donne immigrate che sono quelle i cui numeri sono in controtendenza rispetto alle italiane. Dati tuttavia raccolti prima dell'entrata in vigore del reato di clandestinita'.
Se infine vogliamo parlare di aborto sarebbe bene capire il dato inquietante dell'obiezione di coscienza da parte dei medici e dei sanitari ad una legge che pur con i suoi difetti ha dimostrato di funzionare. Capire perche' gli obiettori aumentano fino ad arrivare nell'ultima relazione al Parlamento al dato complessivo di 70,5 per cento di ginecologi che fanno obiezione con punte nell'Italia meridionale di neppure due medici ogni dieci che realizza interventi di aborti nel rispetto della legge. La maglia nera e' tuttavia del Lazio con l'85,6 per cento di obiettori, non sara' un caso che e' la stessa regione che ospita la citta'-stato del Vaticano che gia' preannuncia scomuniche e quindi mancate commesse?

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)