Privacy Policy politicamentecorretto.com - Sit-in di protesta davanti a Palazzo Chigi. Laura Garavini: “Al Governo chiediamo un chiaro impegno a favore della legalità”

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Sit-in di protesta davanti a Palazzo Chigi. Laura Garavini: “Al Governo chiediamo un chiaro impegno a favore della legalità”

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

Attività fino alle ultime ore precedenti la pausa estiva per la deputata Laura Garavini (PD). Dopo un incontro con il segretario Dario Franceschini al fianco di una delegazione di cittadini del Comune di Fondi, la capogruppo del PD in Commissione Antimafia si è affiancata ai manifestanti della cittadina laziale in un sit-in davanti a Palazzo Chigi per protestare contro l’inerzia del Governo che, nonostante gli impegni presi in parlamento, non ha ancora provveduto a scogliere il Consiglio comunale della città.

Criticando l’ennesimo rinvio da parte del Governo di una decisione sulla questione, la Garavini ha detto: “Ormai è chiaro che non c’è nessuna volontà da parte del Governo di sciogliere quel Comune. E’ una scelta che fa molto male alla lotta alla mafia perché per la prima volta da quando esiste la legge non si scioglie un comune per il quale lo stesso Ministro dell’Interno ha richiesto lo scioglimento.

Maroni non può assistere passivamente a questa scelta che mette a rischio la credibilità di tutte le istituzioni preposte. Questa vicenda è una vergogna, è come se il Governo dicesse che a Fondi non sa se scegliere tra la legalità e la mafia.

Su questa battaglia il PD si è impegnato a fondo, da solo, ottenendo la documentazione in Commissione Antimafia ed obbligando il Governo ad ammettere di non aver ancora preso una decisione dopo un anno dalla richiesta di scioglimento”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)