Privacy Policy politicamentecorretto.com - MAR DEL PLATA E PORTO RECANATI: QUANDO LE CITTÀ GEMELLE SI RISCOPRONO

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

MAR DEL PLATA E PORTO RECANATI: QUANDO LE CITTÀ GEMELLE SI RISCOPRONO

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Una storia comune iniziata proprio con le grande ondate migratorie del 900. Si contano per migliaia le famiglie marchigiane che arrivarono su queste sponde, perché spinte dalla mancanza di lavoro e la povertá nel natio loco ma portatori di una cultura millenaria e di valori etnici che hanno lasciato addirittura profonda traccia nel Paese sudamericano.  D’altronde molti corregionali rientrarono in Patria e anche loro portarono con sè i costumi e gli abbitudini dei ‘criollos’.  Non a caso Porto Recanati è considerata oggi la cattedrale del trucco (gioco a carte ‘rioplatense’). Attilio Valentini, avvocato e giornalista, nativo del Porto nel 1889 fu chiamato a dirigire in Argentina il quotidiano La Patria degli Italiani, e pochi anni dopo trovò la morte in un duello alla pistola in difesa dell’onore dell’Italia. Il presbiero Dott. Attilio Moroni, personalità di spicco della vita culturale regionale, perse il proprio padre in un incidente sul lavoro nel grande fiume Paranà. Un parco della cittadina adriatica porta il nome di Teodoro Bronzini figlio di emigranti portorecantesi, 
Sindaco per vari periodi dell’ urbe marplatense nella prima meta del S XX, persona ragguardevole
della vita politica argentina. Beniamino Gigli, il grande cantante lirico recanatese è stato un frequente visitatore delle terre argentine che provava una profonda predilezione per il Teatro Colòn di Buenos Aires, inoltre, struttura progettata nel 1885 dall’architetto ascolano Francesco Tamburini.  A fine agosto 1946 una terribile tempesta nella zona costiera marplatense si prese la vita di trentatre pescatori, molti di origine italiana, sette di loro dell’intero equipaggio del ‘Pumara’, tutti nativi di Porto Recanati. Oggidì una folta comunità italo-argentina risiede e lavora sul territorio regionale continuando nel tempo questo profondo legame di sangue,  di un’amicizia ormai senza età e senza confini.
Fatti, avvenimenti, personaggi che fanno anche parte indissoluble di un pezzo di storia dell’Italia e dell’ Argentina e che stanno, in questo caso, a fondamentare la spontanea frattellanza tra ambedue città gemellate dal 3 dicembre 1993, e che l’Associazione ‘Amici di Mar del Plata’ di Porto Recanati, guidata da Giuliano Tiseni asieme all’Unione Regionale Marchigiana marplatense si ripropongono ora di valorizzare, di caldeggiare e in particolare di divulgare soprattutto tra le nuove generazioni.
Cosi è che è scaturita un’interessante iniziativa che consente il colloquio bisettimanale via telefonica con delle personalitá della cultura, la storia, la politica, l’imprenditoria, l’infomazione portorecanatese e marchigiana e che viene difusso contemporaneamente dal noto programma radiofonico marplatense in onda da diciannove anni, ‘La Domenica Italiana” diretto da Pascual Paoletta.
Alcune degli invitati che hanno presso parte in questo viavai verbale, Giuseppe Giampaoli - fautore del gemellaggio-  e Glaucco Fabbracci, già sindaci di Porto Recanati, lo storiatore Lino Palanca, il giornalista Alessandro Caporaletti, il M° Luigi Vincenzoni  -nipote del tenore Beniamino Gigli-, il Presidente del Ente Palio San Giovanni, Antonio Sisti. Hanno anche aderito all’iniziativa la neo Sindaco Rosalba Ubaldi e il Consigliere Comunale Javier Pagano, di origini argentine. Dal telefono ‘marplatense’ invece, sono intervenuti tra altri,  l’Ing. Juan Bronzini figlio di Teodoro Bronzini, la Consigliere di Mar del Plata, Cristina Coria in nome dell’ intendente Gustavo Pulti, Il Presidente dell’associazione Marchigiana, Natalio Caporaletti anche lui emigrato portorecanatese. Infine, per la prossima puntata di domenica 16 agosto,  in occasione del 5º raduno nazionale delle famiglie Cingolani, cognome originario proprio del recanatese, incontro che avrá luogo a Monte Buey in provincia di Córdoba (inoltre gemellata con Treia), é previsto un collegamento simultaneo tra questa cittá, Mar del Plata e Porto Recanati con la partecipazione delle autoritá comunali ed altri invitati che potrà pure eseguirsi via internet sul sito web www.fmdelsol.com.ar.  Intanto, oggi sull’programma “Domenica Italiana televisione” verrà emmesso un filmato del Palio di San Giovanni edizione 2008, manifestazione tradizionale molto attesa dai portorecantesi di là e di qua.


Aldo Mecozzi
Unione Regionale Marchigiana di Mar del Plata
 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)