Privacy Policy politicamentecorretto.com - Lotta alla povertà e misure a sostegno dei consumatori

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Lotta alla povertà e misure a sostegno dei consumatori

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 


L’on. Laratta lancia alcune proposte con un disegno di legge regionale


Pdl Laratta: “Tutela dei consumatori, sostegno alle associazioni degli utenti, costituzione dei Gruppi di Acquisto e dell’Ufficio Garante di prezzi e qualità dei servizi.  Per le famiglie povere, assegno una tantum di 1000 euro per far fronte all’ emergenza”
 
on. F. Laratta: “In Calabria situazione drammatica. Le famiglie si privano di tutto. La crisi ci ha portato 40 anni indietro”!|
 
La proposta di legge Laratta  si pone come primo obiettivo la tutela dei diritti e degli interessi dei cittadini consumatori, sia individuali che collettivi; promuove le associazioni dei consumatori e degli utenti; promuove la costituzione dei “Gruppi d’acquisto”, strumento fondamentale al fine di favorire le categorie economicamente più deboli tra i cittadini calabresi attraverso l’ottenimento di una riduzione dei prezzi assieme ad  un controllo qualitativo dei prodotti di largo consumo. La Regione Calabria sostiene l’attività delle Associazioni senza scopo di lucro ed aventi quale finalità esclusiva la tutela dei consumatori e degli utenti. Persegue una politica di collaborazione attiva fra le associazioni dei consumatori e degli utenti e pubbliche amministrazioni per l’erogazione dei servizi pubblici secondo standard di qualità e di efficienza.
 
 

Con la proposta di Legge Laratta, viene istituita la Consulta regionale per la tutela dei diritti dei consumatori e degli utenti, con il compito di esprimere pareri su atti di programmazione e proposte di legge che riguardino interessi dei consumatori e degli utenti.
 
Prevista anche l’istituzione dell‘Ufficio del Garante dei prezzi e della qualità di beni e servizi” chiamato a coordinare attività di verifiche e controlli sui prezzi dei beni e servizi, in piena sintonia con gli uffici istituzionalmente preposti a tali funzioni
 
On. Laratta: “Proprio le difficoltà, sempre più gravi, in cui vivono i cittadini calabresi, ci spingono a predisporre una legge regionale che difenda i consumatori, che tuteli i loro diritti, che preveda strumenti importanti che i cittadini potranno utilizzare  per trarne vantaggi. In Calabria le famiglie non hanno particolari tutele quando acquistano beni e servizi. Con questa proposta di legge ci saranno molte novità positive per i consumatori calabresi”.

In merito ai dati forniti in questi ultimi giorni dall’ Istituto Demoskopica, che parlano di 16 mila nuove famiglie considerate povere, l’on. Laratta ha detto che ‘Nel Piano sociale approvato nell’ultimo consiglio regionale  ci sono importanti interventi a sostegno delle fasce più deboli; così anche nelle manovre finanziarie della giunta. Tuttavia credo sia necessario- vista l’entità della povertà che in maniera  assai preoccupante avanza in Calabria- è pronta una norma che consenta un intervento straordinario a favore delle famiglie che si trovano in condizioni disperate. Penso ad una misura tipo la rimodulazione dell’Irap e la destinazione di una percentuale  per la creazione del FONDO UNICO PER LA LOTTA ALLE POVERTA’.
In sostanza c’è urgente bisogno di venire incontro alle migliaia di famiglie che sono sul lastrico, magari con un assegno una tantum di 800-1000 euro a famiglia destinato agli acquisti di generi di prima necessità e per far fronte a cure e agli imprevisti.  Sono convinto che se anche chiedessimo a tutti i calabresi di sopportare un prelievo minimo ( ad esempio di 1 euro) per rispondere all’emergenza povertà delle famiglie, questi risponderebbero con convinzione.
Tuttavia, la Regione ha gli strumenti necessari per affrontare questi bisogni e per d are risposte alle famiglie in povertà. L’unica cosa che non si può fare, e far finta di niente”.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)