Privacy Policy politicamentecorretto.com - Carceri. Tentativi di suicidio e atti di autolesionismo a Sanremo. Interrogazione

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Carceri. Tentativi di suicidio e atti di autolesionismo a Sanremo. Interrogazione

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti, Radicali - Pd

Lo scorso 15 agosto una visita ispettiva presso la casa circondariale Valle Armea di Sanremo ha evidenziato alcuni aspetti decisamente singolari per la gia' disperata situazione delle carceri italiane, cosi' come ampiamente denunciato dall'iniziativa "Ferragosto 2009 in carcere" di Radicali Italiani: tentativi di suicidio e atti di autolesionismo in un arco temporale ristretto. Il senatore Elio Lannutti (Idv) che col radicale Giampiero Buscaglia ha constatato di persona questa situazione, ha denunciato, cosi' come ripreso anche dalla stampa locale:
1 - un cittadino del Marocco, in stato depressivo, che il giorno 15 ha ingerito due forchette di metallo (vietate all'interno del carcere), operato d'urgenza in ospedale e, mentre scriviamo, ancora in prognosi riservata;
2 - un cittadino della Tunisia che giovedi' 20, con un rudimentale coltello ha cercato di tagliarsi le vene;
3 - un altro cittadino della Tunisia, mercoledi' 19 agosto si e' ferito nei testicoli e ad un braccio, salvato in extremis dalle guardie carcerarie;
4 - un detenuto maghrebino che denunciava di aver subito un furto in carcere durante il trattamento insulinico, nonche' la violazione della propria corrispondenza;
5 - ancora un detenuto maghrebino in sciopero della fame perche' impossibilitato a vedere la propria figlia.
Per questo motivo, con il medesimo senatore Lannutti, ho presentato un'interrogazione al ministero della Giustizia per far luce su questi episodi e per sapere se i tentativi di suicidio sono legati a quanto denunciato dai due maghrebini durante la visita ispettiva. Interrogazione con cui chiediamo al ministero di far sapere cosa intende fare per eliminare alcune delle possibili cause di quanto accaduto a Sanremo, cioe' il sovraffollamento e la mancanza di organici tra agenti di polizia penitenziaria, educatori e psicologi.

Qui il testo dell'interrogazione: http://blog.donatellaporetti.it/?p=733

Invia commento comment Commenti (0 inviato)