Privacy Policy politicamentecorretto.com - Situazione della scuola calabrese al collasso

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Situazione della scuola calabrese al collasso

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Laratta al Prefetto di Cosenza e al Provveditore agli Studi: "Situazione della scuola calabrese al collasso".
Chiesto l'intervento del Governo e del Direttore Regionale dell'Istruzione.

 


 
Il Parlamentare del PD on. Franco Laratta ha incontrato stamane i circa 500 precari che manifestavano davanti all'Ufficio Scolastico Provinciale e, poi, davanti l'ingresso della Prefettura di Cosenza.
L'on. Laratta ha anche partecipato ad un vertice presieduto dal Vice-Prefetto Caccuri, alla presenza del dott. Penta dell'Ufficio Scolastico Provinciale, dell'Assessore all'Istruzione dott. Ruffolo e dei sindacato di categoria. Al termine dell'incontro il deputato calabrese ha denunciato la grave situazione della scuola calabrese in seguito ai tagli previsti lo scorso anno dai “decreti Germini”: meno scuole, più classi numerose, tagli alle cattedre, drastica diminuzione del personale amministrativo ed ausiliario, accorpamenti e soppressioni di scuole in tutta la Calabria.
A pochi giorno dall'inizio dell'anno scolastico, in provincia di Cosenza si registrano situazioni allarmanti, mentre in alcuni comuni rischia di saltare l'apertura del'anno scolastico per mancanza di personale.
L'on. Laratta ha chiesto l'intervento del Direttore Regionale dell'Istruzione ed una immediata presa di coscienza da parte del Governo e del Ministro Germini sui disastri che sono stati compiuti nella scuola Italiana e in quella calabrese in particolare.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)