Privacy Policy politicamentecorretto.com - Canone Rai: la propaganda della disdetta e la necessita' della privatizzazione della Rai

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Canone Rai: la propaganda della disdetta e la necessita' della privatizzazione della Rai

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti, Radicali - Pd

 

Le campagne populiste servono a distrarre e non certo a difendere la liberta' d'informazione. Ricordiamo all'on. Antonio Di Pietro che il canone Rai non si disdice e non si sostituisce con quello di Sky, forse l'ultimo telespettatore subissato dagli spot di "abbonamento" alla Rai puo' ancora credere di essere un abbonato alla tv di Stato, ma un ex ministro forse no.
Il cosiddetto canone Rai e' una tassa sul possesso di un apparecchio atto a ricevere trasmissioni televisive, percio' se l'on. Di Pietro possiede un televisore che sia per guardare Sky, filmini in dvd o la Rai poco importa, deve comunque pagare la tassa per non essere un evasore fiscale.
Che l'on. Di Pietro sia anche un ex magistrato che induca a violare una
legge dello Stato senza dirlo, stupisce ancora di piu'. Se infatti  vuole lanciare una campagna di disobbedienza civile e autodenuncia fiscale non la spacci per un cambio di abbonamento, se invece volesse far rispettare quel referendum radicale con cui gli italiani avevano chiesto la privatizzazione della Rai, e con questa la fine del carrozzone di Stato dove amici e parenti dei politici vengono sistemati, ne saremo ancora piu' lieti!

Invia commento comment Commenti (0 inviato)