Privacy Policy politicamentecorretto.com - Carceri e affollamento. Digiuno con Corleone per il mega affollamento di Sollicciano a Firenze

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Carceri e affollamento. Digiuno con Corleone per il mega affollamento di Sollicciano a Firenze

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Intervento dei senatori Donatella Poretti e Marco Perduca, Radicali - Pd


Il Garante dei detenuti del Comune di Firenze, Franco Corleone, ha iniziato un digiuno come forma di protesta contro le gravi condizioni di sovraffollamento del carcere fiorentino di Sollicciano: su una capienza di 483 i detenuti stanno per sfondare il tetto dei 1.000 e ci sono anche 5 bambini. Non solo, ma nonostante le richieste di intervento che sempre Corleone ha fatto verso il capo del Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria, la risposta e' stata il silenzio assoluto.
Dopo le proteste dei detenuti durante il mese di agosto e i nostri ripetuti sopralluoghi nell'ambito dell'iniziativa "Ferragosto in carcere" di Radicali Italiani, la situazione, quindi, non solo non e' mutata ma e' adirittura peggiorata.
La situazione da tragica si va facendo disperata e non ci sarebbe da stupirsi se nei prossimi giorni assisteremo ad azioni e reazioni che non dovrebbero accadere in un Paese civile che civilmente affronta i problemi dei loghi piu' delicati del proprio sistema di sicurezza.
Per il momento, riservandoci tutte le azioni parlamentari e no nei prossimi giorni, ci uniamo a Franco Corleone con una giorno di digiuno: domani 24 settembre anche noi non mangeremo per cercare di sensibilizzare chi, avendo poteri di intervento, non ha ancora ritenuto di utilizzarli.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)