Privacy Policy politicamentecorretto.com - ON. LARATTA (PD): IL GOVERNO IGNORA LE NAVI DEI VELENI IN CALABRIA. CHIEDO A SINDACI E PARLAMENTARI DI PROTESTARE DAVANTI A PALAZZO CHIGI

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

ON. LARATTA (PD): IL GOVERNO IGNORA LE NAVI DEI VELENI IN CALABRIA. CHIEDO A SINDACI E PARLAMENTARI DI PROTESTARE DAVANTI A PALAZZO CHIGI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Dopo la scoperta della nave dei veleni nel mare di Cetraro, considerato che si sospetta che altre imbarcazioni siano state affondate nei mari calabresi, è evidente che ci troviamo davanti ad un’emergenza sanitaria e ambientale, di fronte alla quale, fino ad oggi il governo ha ignorato le nostre interpellanze e le nostre richieste di intervento in Parlamento, ed ha quindi lasciato da sola la Calabria ad occuparsi di una vera e propria emergenza nazionale .

Visto che non giungono segnali dal Governo e che si tende a far dimenticare tale gravissima situazione,  vorrei invitare tutti i parlamentari calabresi di destra e di sinistra, tutti i sindaci  e gli amministratori calabresi in qualsiasi modo coinvolti nella vicenda, a partecipare ad un sit-in davanti Palazzo Chigi. Da organizzare al più presto. Dobbiamo impedire che  tutto cada nell’oblio, che l’emergenza venga presto dimenticata, che l’attenzione dei media e dell’informazione  vada sempre più scemando.  E soprattutto che il Governo intervenga con urgenza e che il presidente del Consiglio metta in piedi un tavolo tecnico per affrontare l’emergenza.

Il mare calabrese  è stato per molto tempo meta di traffici internazionali di rifiuti radioattivi gestiti dalla
mafia  . Questo lo si sapeva da almeno 15 anni grazie alle denunce delle associazioni ambientaliste. Nelle ultime tre legislature alcuni parlamentari calabresi hanno presentato interpellanze alle quali mai nessuno ha inteso rispondere. 

Lo scenario che si sta delineando si fa sempre più cupo, sia perché sono evidenti  le connessioni criminali, sia perché si fanno forti ed inquietanti i rischi di un inquinamento radioattivo in mare e a terra in tutta la Calabria.

In qualunque Paese europeo, il governo dichiara questa emergenza una priorità assoluta di interesse nazionale, e mobilita subito esperti, tecnici, risorse, mezzi propri .  In Italia finora i vari ministeri interessati non hanno mostrato di capire la gravità della situazione.

Per cui, sindaci, amministratori, parlamentari, al di là delle loro appartenenze, devono impegnarsi direttamente per sollevare il caso a Roma. Per cui un sit-in davanti Palazzo Chigi può essere utile allo scopo. Chiedo a tutti gli interessati di aderire e partecipare.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)