Privacy Policy politicamentecorretto.com - ’Associazione Dante Alighieri di La Plata, in Argentina" "Una moglie bellissima"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

’Associazione Dante Alighieri di La Plata, in Argentina" "Una moglie bellissima"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

"Una moglie bellissima" di Leonardo Pieraccioni  il ciclo di Cinema Contemporaneo organizzato dall’Associazione Dante Alighieri di La Plata, in Argentina,  il meglio del recente cinema italiano.
"Una moglie bellissima", in cui Pieraccioni è come sempre regista e protagonista, racconta di Miranda e Mariano, felicemente sposati da dieci anni ed innamoratissimi: hanno occhi solo l'uno per l'altro e sembra che per loro il tempo non passi mai. Vendono frutta al banco del mercato e sognano di trovare i soldi per poter comprare un fondo nella piazza centrale del paese e trasferirvi la loro attività. I fine settimana si riuniscono con i loro amici in campeggio per evadere dalla vita quotidiana. Quando però un giorno nel paesino toscano dove abitano Mariano e Miranda arriva il fotografo Andrea, la loro routine viene stravolta e il loro matrimonio entra in crisi...
Venerdì 16 ottobre ancora un film di Pieraccioni, "Ti amo in tutte le lingue del mondo".
Gilberto ha quarant’anni e insegna ginnastica in un liceo. Paolina è una sua allieva ed è innamorata follemente di lui! La ragazzina lo vuole, lo ama: glielo scrive "in tutte le lingue del mondo" su dei foglietti che gli fa trovare dappertutto. Gilberto non sa più come fare ad arginare quella sedicenne caparbia e determinatissima. Paolina minaccia pure di ucciderlo se dovesse scoprire che lui ha un’altra. E un’altra c’è…
In un lembo remoto d'Italia alle foci del Po, c'è un piccolo paese: poche case isolate che una gru sembra avere incongruamente deposto in quel paesaggio piatto e desolato. In questo scenario si disegna l'incontro tra Hassan e Mara, che Carlo Mazzacurati racconta ne "La giusta distanza", in programma il 23 ottobre, sempre alle 18.30.
Hassan è un meccanico tunisino, che con anni di onesto e duro lavoro si è conquistato stima e rispetto; Mara una giovane maestra, che una supplenza ha portato lì, in attesa di partire per il Brasile con un progetto di cooperazione. Giovanni, diciottenne aspirante giornalista, passa molto tempo ad aggiustare una vecchia motocicletta nell'officina di Hassan ed è qualcosa di più che un testimone della storia che nasce tra loro, sotto il segno dell'inquietudine. Di fronte alla svolta tragica e inaspettata che la vicenda assume, anche Giovanni volterà le spalle ad Hassan. Ma la vita è più contorta e dolorosa di quello che appare...
1940, deserto della Libia. Una sezione sanitaria dell'esercito italiano si accampa nell'oasi di Sorman. Qui viene coinvolta da un frate italiano nel soccorso della popolazione del posto, e la guerra sembra lontanissima, ma quando le truppe comandate dal generale Graziani in marcia verso la conquista dell'Egitto, sono costrette dagli inglesi ad una fuga precipitosa, la situazione precipita bruscamente...
Tutto ciò è oggetto della pellicola di Mario Monicelli "Le rose del deserto", che venerdì 30 ottobre chiuderà il ciclo, almeno per questo mese.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)