Privacy Policy politicamentecorretto.com - Carcere. Detenuto autolesionista dato per espatriato da Firenze in Marocco... e' in carcere ad Arezzo

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Carcere. Detenuto autolesionista dato per espatriato da Firenze in Marocco... e' in carcere ad Arezzo

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Intervento della senatrice Donatella Poretti, Radicali-Pd

Ieri 10 ottobre sono andata a verificare lo stato dei fatti del carcere di Arezzo, dopo che, durante le visite dello scorso agosto, avevo riscontrato una serie di problemi dovuti essenzialmente al sovraffollamento (piu' del doppio di quanto dovrebbe contenerne). Carcere che dallo scorso 8 giugno avrebbe dovuto essere chiuso per lavori di ristrutturazione, ma che ad oggi e' ancora funzionante e i lavori non sono partiti nonostante una gara d'appalto sia stata gia' vinta da un'azienda e quindi i soldi siano stati gia stanziati (2 milioni e mezzo di euro).
Ma la sorpresa piu' grossa e' stata di trovare un detenuto marocchino che, dopo che ad agosto si era cucito la bocca per protesta nel carcere Sollicciano di Firenze, era stato dato come espatriato verso il proprio Paese. La notizia era sta data lo scorso 25 agosto dal garante per i diritti dei detenuti del Comune di Firenze, Franco Corleone e, riportata dal quotidiano "La Nazione" faceva sapere che a questo detenuto erano rimasti due anni da espirare e la sua richiesta di rimpatrio non veniva accolta, quindi per protesta si era cucito la bocca. Solo a questo punto la magistratura avrebbe accolto la richiesta e le pratiche per l'espatrio sarebbero cominciate dopo le medicazioni. Una soluzione che, pur nella sua drammaticita' evidenziata da un gesto di autolesionismo, metteva in luce la difficile e scarsa applicazione della norma che prevede la possibilita' di rientro in patria come misura alternativa quando mancano da scontare due anni.
Ma sembra che cosi' non e' stato. Il direttore del carcere di Arezzo non non era informato su provenienza e caratteristiche di questo detenuto. Alcune guardie carcerarie ne erano al corrente e percio' mi hanno detto che lo tenevano particolarmente sotto controllo.
La vicenda e' grave e casi del genere dovrebbero essere particolarmente seguiti perche' dall'autolesionismo non si passi al suicidio.
Ho chiesto maggiori informazioni alla direzione del carcere di Arezzo e di Sollicciano/Firenze. Nei prossimi giorni faro' altrettanto al ministero con specifica interrogazione.
Sui detenuti che chiedono di essere estradati e sugli accordi con i Paesi extracomunitari, ho anche presentato una interrogazione parlamentare (1).

(1) http://blog.donatellaporetti.it/?p=776

Invia commento comment Commenti (0 inviato)