Privacy Policy politicamentecorretto.com - Primarie Pd: Radicali fiorentini votano Marino l'unico vero primario

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Primarie Pd: Radicali fiorentini votano Marino l'unico vero primario

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

 

 

 

Dichiarazione di Donatella Poretti e Marco Perduca, senatori Radicali-Pd, e di Giancarlo Scheggi, segretario associazione radicale Andrea Tamburi di Firenze

Le primarie son tali in un sistema politico in cui l'elettorato attivo di un determinato territorio sceglie direttamente chi poi partecipera' a rappresentarlo nelle istituzioni. Questo non e' il caso della mobilitazione di domani, ma abbiamo deciso di partecipare comunque anche per l'amicizia che ci lega da anni a Ignazio Marino, malgrado il Pd ci avesse negato la tessera perche' iscritti al Partito Radicale.

Parteciperemo alla mobilitazione degli amici del Partito democratico sostenendo la candidatura del Senatore Ignazio Marino, col quale in Senato ci troviamo quasi sempre d'accordo nell'espressione dei voti.

Crediamo che Marino sia riuscito ad articolare, in modo partecipativo, una serie di proposte che vanno dal collegio uninominale maggioritario alla separazione netta tra Stato e Chiesa, dall'affermazione dei diritti civili alla liberta' della ricerca scientifica fino alla depenalizzazione delle "droghe leggere" e l'autocoltivazione della cannabis terapeutica - tutti temi che da decenni sono al centro della lotta politica, parlamentare e nonviolenta radicale.

Marino e' persona tenace e siamo certi che, anche se non dovesse essere eletto, riuscira' a trovare il tempo e il modo per proseguire il suo impegno politico anche su quelle questioni.

I bizantinismi dello statuto del Pd prevedono che se nessuno dei tre domani superera' il 50% dei voti sara' l'assemblea nazionale che con un eventuale voto segreto avra' lultima parola. Da cui la proposta di Eugenio Scalfari di rivedere le regole in corso d'opera proponendo che chi prende un solo voto in piu' alle primarie deve essere il segretario evitando il ballottaggio all'assemblea nazionale.
Partecipiamo anche perche' la realizzazione eventuale del "lodo Scalfari" ci vedrebbe coglionati in prima persona e quindi direttamente interessati nel ricordare ai compagni del Pd lo slogan con cui siamo stati candidati l'anno scorso "pacta sunt servanda"!

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)