Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

INFLUENZA A: CIOCCHETTI; VACCINI FANTASMA, A ROMA E NEL LAZIO SI RISCHIA LA PARALISI

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

- INCOSCIENTE DICHIARAZIONE DE MINISTRO FAZIO; LIQUIDARE PROBLEMA VIRUS E' UN GRAVE ERRORE -

 

Roma, 30 ott - ‘Le strutture sanitarie romane e del Lazio rischiano la paralisi; Governo e Regione assistono in silenzio all’aumento incontrollato del virus. I due milioni di vaccini previsti per la regione, non sono stati consegnati nei termini previsti.’ - è quanto dichiara il segretario Regionale dell’Udc del  Lazio e On. Luciano Ciocchetti –

 

‘Ribadisco la denuncia fatta ieri - continua Ciocchetti - nella quale contestavo l’atteggiamento irresponsabile del Governo. Non è possibile pensare di nascondere la propria inefficienza  dietro le 125.480 dosi di vaccino, che il Ministero del Welfare, ha consegnato solo pochi giorni fa al centro unico di stoccaggio regionale. Trovo altrettanto incosciente l'affermazione del Ministro della Salute Ferruccio Fazio, che liquida il problema Influenza A, reputandola dieci volte meno aggressiva del virus influenzale stagionale.

 

‘Bisogna intervenire sulle fasce di età che vanno da 0 ai 4 anni dove l'incidenza e' pari a 9,22 casi per mille assistiti, dai 5-14 anni dove l'incidenza e' pari a 13,02 .Questi dati presentati dalla InfluNet (Rete Italiana Sorveglianza Influenza) - prosegue - sono un punto di partenza sul quale iniziare gli interventi.’

 

'Assistiamo - conclude l‘esponente centrista - ad una corsa contro il tempo che porterà interventi sanitari inefficaci, consegne del vaccino a rilento e caos nei pronto soccorso di tutta la regione e in particolare nella Capitale. Una cosa è certa anche il piano della Regione Lazio è partito in netto ritardo, causando notevoli danni a tutto l’apparato sanitario.'

Invia commento comment Commenti (0 inviato)