Privacy Policy politicamentecorretto.com - NAVE DEI VELENI. On. Laratta (Pd): " Una colossale bufala o un grande depistaggio dello Stato? Il Governo risponda al Parlamento"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

NAVE DEI VELENI. On. Laratta (Pd): " Una colossale bufala o un grande depistaggio dello Stato? Il Governo risponda al Parlamento"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

Nel corso di una visita sul Tirreno cosentino, l’on. Franco Laratta, pd, incontrando alcuni operatori economici si è detto ‘Sconcertato per come  la vicenda della nave dei veleni  si sta evolvendo.  Le cose sono due: o ci troviamo davanti ad una colossale bufala elevata a dramma nazionale (per la cui cosa, se fosse così, qualcuno dovrebbe pagare per i danni gravissimi fatti alla Calabria, al turismo e alle attività economiche di vaste aree della regione), oppure qualcuno ci sta prendendo in giro, con depistaggi e mezze verità. A questo punto va detta una parola chiara e ufficiale, senza fraintendimenti e dubbi di alcun genere.

Trovandoci davanti a notizie parziali, a fatti contraddittori, ad eventi prima affermati e poi negati nelle e fra le istituzioni dello Stato, non si può che chiedere al Governo di fare luce immediatamente nelle sedi istituzionali. Per poi  proseguire con una conferenza stampa dei ministri interessati, per consentire ai giornalisti di fare tutte le domande possibili e quindi chiudere il caso.

 

Vorremmo tutti sapere:

 

cosa ha fotografato il rov dell'Arpacal?
Ci sono o no fusti in quella nave di Cetraro, per come si era detto inizialmente? E cosa contengono?
Premesso che non c'era alcun interesse politico nell'inchiesta della magistratura sui veleni nei mari di Calabria, in sedi importanti sono state dette cose molto gravi. Come mai? Sono confermate o superate le cose dette sin dall’inizio dalle istituzioni interessate?
La nave di Cetraro resterà lì con tutto il suo carico? Sarà predisposto il suo recupero?
Come mai l’on. Pecorella ha polemizzato con  Grasso? Come mai la Commissione del ciclo rifiuti aveva ordinato il sequestro di un bidone? Come mai le Commissioni parlamentari competenti si sono così vistosamente contraddette?
Che fine hanno fatto le vecchie ordinanze della capitaneria di porto di Cetraro? Si parlava o no di Cesio? Da dove veniva?
Il pentito Fonti è o no attendibile? E’ al sicuro o è minacciato da qualcuno?
 

Ma quello che è necessario è fare subito chiarezza. Questa vicenda ha fatto danni gravissimi alla Calabria, alla sua economia, alla sua immagine nel mondo. Bisogna subito dare risposte certe. E questo dovrà accadere subito in Parlamento.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)