Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

INFLUENZA A: CIOCCHETTI(UDC), "NEL LAZIO 800 STUDI ASSOCIATI NON VENGONO UTILIZZATI E I VACCINI NON SI VEDONO"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 


 
 “Il termometro ha raggiunto temperature altissime e il caso influenza A, visti i fallimenti del governo nella gestione di un'emergenza nazionale, è diventato una vera psicosi. -  è quanto dichiara il Segretario Regionale e On. dell’Udc Luciano Ciocchetti -
 
“Bisogna fermare gli allarmismi – continua - dando giuste informazioni. Bisogna mettere in moto la rete dei medici di famiglia e vaccinare. I bambini e i ragazzi dai 5 ai 16 anni ,spezzando così la catena del contagio.”
 
“Nel Lazio – denuncia l’esponente centrista -, se solo venisse avviato l'accordo sottoscritto tra la Fimmg e la Regione, sarebbero disponibili  800 studi associati che h.12. potrebbero dare primo soccorso e consigli utili ai cittadini. Bisogna lasciare liberi i pronto soccorso, da utilizzare solo quando ci sono vere urgenze ed emergenze.
 
“Il mistero dei vaccini fantasma, i ritardi nelle consegne, gli accordi non firmati e la disinformazione  – conclude Ciocchetti -  sono un cocktail micidiale per le strutture sanitarie e in generale per la salute dell’intera popolazione.”

Invia commento comment Commenti (0 inviato)