Privacy Policy politicamentecorretto.com - On. Franco Laratta (Pd): "Alle Regionali selezione severa delle candidature. Primarie Pd? Spero non sia una lotta fra 70enni"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

On. Franco Laratta (Pd): "Alle Regionali selezione severa delle candidature. Primarie Pd? Spero non sia una lotta fra 70enni"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

 

L'on. Franco Laratta ha incontrato a  Cosenza un gruppo di giovani con i quali ha affrontato le questioni dell'attualità politica. Alla domanda su come saranno composte le liste del Pd per le prossime regionali, il deputato si è augurato che "si faccia una selezione severa, che si autorizzino candidature di persone trasparenti, competenti e di qualità. Mi auguro che non si vada a caccia di pacchetti di voti, senza saperne la provenienza e i rischi che ciò comporta. Si aprano le liste e si facciano verifiche severe". 
L'on. Franco Laratta ha poi ribadito la sua proposta rigiardante il listino bloccato: "Sarei per eliminarlo, ma se deve rimanere vi sia almeno un impegno pubblico e solenne che ad esso accederanno giovani, donne e intellettuali che diversamente non potrebbero mai trovare spazio in consiglio regionale. Ma davanti a questa mia proposta ho sentito un silenzio tombale! Anche da chi avrebbe potuto e dovuto dire qualcosa a sostegno!"
Sulle primarie per la scelta del candidato presidente il deputato ha detto: "Mi sarei aspettato che la mozione Bersani che ha stravinto il congresso e le primarie del Pd si presentasse con un unico candidato, che sarebbe poi diventato il candidato di tutto il Pd. Ma questo non è accaduto, segno che il congresso è finalmente finito  e le parti in campo si smontano e si rimontano diversamente. E forse non è un male. Sui nomi? Beh, mi auguro che la partita vera non si riduca ad una battaglia tra due canditati rispettabili, ma pur sempre...  70enni! Lo troverei al quanto imbarazzante per un partito che vuole essere nuovo e moderno".

Invia commento comment Commenti (0 inviato)