Privacy Policy politicamentecorretto.com - "Uccidiamo il chiaro di luna!"

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

"Uccidiamo il chiaro di luna!"

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

Anche quest’anno la Fondazione Musica per Roma vola all’estero con Il Parco della Musica Contemporanea Ensemble, diretto da Antonio Battista, per alcune importanti esibizioni internazionali.
Dopo il successo riscosso l’1 ottobre ad Amsterdam e il 29 a Barcellona, l’ensemble contemporaneo della Fondazione Musica per Roma porterà "Uccidiamo il chiaro di luna!", spettacolo dedicato alla straordinaria vivacità del Futurismo attraverso le sue molteplici modalità di espressione, in Argentina per ricreare lo spirito futurista a Buenos Aires e a Bahia Blanca.
Le due date argentine del Pmce - composto da Silvia Schiavoni alla voce, Giancarlo Schiaffini al trombone ed elettronica, Oscar Pizzo al pianoforte ed Antonio Caggiano alle percussioni -, organizzate in collaborazione con l'Istituto Italiano di cultura di Buenos Aires nell'ambito della stagione 2009/2010 di Contemporanea, si terranno giovedì 19 novembre a Buenos Aires, presso il Teatro de la Ribera, in occasione del Festival Ciclo de Conciertos de Música Contemporánea, diretto da Martin Bauer, e domenica 22 presso la Biblioteca Rivadavia di Bahia Blanca.
La serata futurista "Uccidiamo il chiaro di luna!" illustra la straordinaria vivacità del Futurismo attraverso le sue molteplici modalità di espressione.
Grazie alla straordinaria energia di Filippo Tommaso Martinetti, eccezionalmente presente in questo concerto con il nastro originale della "Battaglia di Adrianopoli", il movimento futurista venne lanciato e si sviluppò con velocità fulminea, attraverso una avventura creativa che non ha paragoni nella storia della cultura moderna, che continua ad essere fonte di ispirazione per le generazioni successive.
In esclusiva brani di rarissima esecuzione come le opere di Balla e di Carrà, la famosa opera "ritrovata" di Scelsi "Rotative" nella originale versione per 16 percussioni e due pianoforti, filologicamente curata dalla Fondazione Scelsi, e un inedito video di Achille Perilli in omaggio ai suoi scomparsi amici futuristi.
Marinetti, Boccioni, Russolo, Carrà, Balla, Petrolini, Casavola, Mix, Govoni, Depero, Scelsi, Balilla Pratella, Gandini e Deed, tutti i maggiori esponenti del movimento e coloro che ad esso si ispirarono si avvicenderanno grazie ai documenti originali ed esecuzioni filologiche, da una parte, e interpretazioni contemporanee di grandi artisti italiani, dall’altra.
La caratteristica del movimento futurista, che non prevede una netta separazione delle arti, viene celebrata in un evento che presenta una rassegna di lavori significativi in musica, ma anche in letteratura, arti visuali e teatro in esecuzione dal vivo e su supporto video e audio.

 

Invia commento comment Commenti (0 inviato)