Privacy Policy politicamentecorretto.com - Polistena, consiglio comunale aperto al pubblico

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Polistena, consiglio comunale aperto al pubblico

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image


Liberare la Calabria da ogni condizionamento mafioso e ambientale

“Sono contenta che ci siano amministrazioni che fanno proposte di livello anche nazionale come oggi, figlie della ‘vita sul territorio’”. L’on. Laura Garavini, capogruppo del Pd in Commissione antimafia, ha commentato così l’iniziativa del consiglio comunale di Polistena in provincia di Reggio Calabria, riunito in via straordinaria, per discutere di lotta antimafia e tutela ambientale. Prendendo posizione contro la pressione mafiosa, il consiglio ha fatto proprio il manifesto degli Stati Generali dell’antimafia svoltisi a Roma un mese fa. Ad affollare l’aula consiliare di Polistena, c’erano i ragazzi delle scuole cittadine, che hanno partecipato al dibattito presentando i loro interrogativi sull’argomento.

“È proprio grazie all’impegno della società civile che potremo vincere la criminalità organizzata”, si è detta convinta la Garavini, che ha ricordato come i calabresi nel mondo apprezzino e sostengano lo sforzo di tutti quei corregionali che si battono per la legalità. Proprio recentemente la deputata del Pd ha presenziato alla costituzione dell’associazione dei calabresi a Wolfsburg, in Germania.

Mettendo in luce le responsabilità del Governo nazionale, la parlamentare ha ribadito che “oggi assistiamo purtroppo a un esecutivo che fa degli enormi regali alle mafie, ad esempio con lo scudo fiscale, con il pacchetto sicurezza, con la legge sulle intercettazioni e, di recente, cercando di spianare la strada alla vendita dei beni confiscati”.

Infine, la Garavini ha espresso “grande solidarietà al sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, vittima di un’aggressione che rivela le tante difficoltà degli amministratori locali che vogliono affermare la cultura della legalità”.

Invia commento comment Commenti (0 inviato)