Privacy Policy politicamentecorretto.com - Ru486. Bene la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, si rispetti la legge e si lasci in pace l'Aifa, le Regioni, i medici e le donne decideranno sui ricoveri

Sezioni

Archivio

Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30

Bollettino

Iscriviti alla newsletter: (Settimanale)


  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this



Data ed ora di accesso alla pagina
-

  • email Invia un' e-mail ad un amico
  • print Versione stampabile
  • Add to your del.icio.us del.icio.us
  • Digg this story Digg this

Ru486. Bene la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, si rispetti la legge e si lasci in pace l'Aifa, le Regioni, i medici e le donne decideranno sui ricoveri

Dimensione caratteri Decrease font Enlarge font
image

 

 

Dichiarazione di Donatella Poretti, senatrice Radicali-Pd, segretario Commissione Igiene e Sanita'

Dopo aver fatto trascorrere 763 giorni dalla richiesta della Exelgyn in base alla procedura europea del mutuo riconoscimento, 133 dall'approvazione della delibera Aifa per la commercializzazione della Ru486, finalmente dopo 52 giorni dal mandato del Cda Aifa e' avvenuta la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Una prassi che solitamente in 90 giorni si conclude ha avuto bisogno di quasi 3 anni....
Soddisfatti che la procedura si sia conclusa, forse ci dovremmo chiedere perche' tanto tempo. Ma nel frattempo si e' gia' riaperto uno stucchevole dibattito alimentato dal ministro Maurizio Sacconi e dalla sua sottosegretaria Eugenia Roccella sul ricovero ospedaliero.
La prassi del ricovero in day hospital per l'aborto farmacologico e' certificato dalla relazione sulla 194 firmata dallo stesso ministro Sacconi. Testualmente: "due accessi in day hospital a distanza di due giorni per la somministrazione dei due farmaci, oltre ad una visita ambulatoriale di controllo in 14ma giornata". Ora ci dice che solo il ricovero ordinario sarebbe ammesso? Ma allora perche' invece che consegnare quei dati in Parlamento lo scorso luglio non li ha portati in Procura?
Basta con questa manfrina minacciosa del ricovero ordinario, le donne che interrompono una gravidanza non sono delle pazze da legare al letto, e i medici che operano nel rispetto della legge 194 non sono dei sadici che abbandonano le pazienti nel dolore!
Nell'ultima relazione al Parlamento sull'attuazione della legge 194 datata 29 luglio 2009 (il giorno prima della delibera dell'Aifa sulla commercializzazione della Ru486!) e firmata dal ministro Maurizio Sacconi, a pagina 3 e 4 della sintesi e poi a pagina 30 e 31 della relazione vera e propria si riassume come dal 2005 (con sperimentazioni e con importazione diretta del farmaco) in istituti in alcune Regioni italiane si stiano realizzando aborti farmacologici e si preannuncia che dal 2010 sara' meglio identificata questa metodica grazie ad una scheda D12/Istat da compilare in ambito ospedaliero.

A questo link la Relazione
http://www.ministerosalute.it/imgs/C_17_pubblicazioni_1010_allegato.pdf

Invia commento comment Commenti (0 inviato)